Covid ultime 24h
casi +16.146
deceduti +477
tamponi +273.506
terapie intensive -35

Sanità lombarda, Maroni risponde a Sala: “È un’eccellenza ma la Regione ha sofferto”

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 23 Nov. 2020 alle 11:21 Aggiornato il 23 Nov. 2020 alle 11:29
2
Immagine di copertina

“Speriamo che i nuovi vaccini ci permettano di uscirne per la prossima estate. Ma da cittadino lombardo dico che è tempo di ripensare la gestione della sanità lombarda”. Così, in un’intervista a la Repubblica, il sindaco di Milano, Beppe Sala.
“Nelle ultime settimane – spiega – ho molto limitato la mia critica, perché ci sono momenti in cui è più importante stare vicini alla comunità, tutta. Sono però sotto gli occhi di ciascuno le carenze e le difficoltà manifestate dalla sanità, soprattutto territoriale, in questi drammatici mesi in Lombardia. Da ultimo con la vicenda dei vaccini antinfluenzali”.

Secondo Sala il modello di gestione della salute va cambiato “radicalmente. Ma non vedo alcun pensiero strategico in proposito venire fuori dalla giunta regionale. Con il Pd lombardo invece stiamo lavorando ad una prima bozza di lavoro, sarà poi fondamentale che si faccia un’accurata lettura dei ‘bisogni direttamente con i cittadini e nei vari territori”.

L’ex presidente della Lombardia Roberto Maroni risponde al sindaco di Milano durante la trasmissione Omnibus: “Sanità lombarda da rifare dice Sala, flop Lombardia. Sala è già in campagna elettorale, la sanità lombarda è stata ed è un’eccellenza, si può criticare qualche intervento che è stato fatto per gestire una pandemia terribile, ma la struttura della sanità lombarda e il rapporto tra il pubblico e il privato funziona, il problema è che la Lombardia è una grande regione con aree territoriali molto diverse tra di loro e c’è bisogno di intervenire. Dire che la sanità è da rifare è una sciocchezza”.

Leggi anche: “La Lombardia ha già finito i vaccini antinfluenzali”. La mail di Ats Milano rivela la catastrofe del modello lombardo

La conduttrice obietta: “I vaccini che non si trovano, anche Galli dice che non riesce a farsi vaccinare”. “È un problema di organizzazione semmai”, risponde Maroni, “bisogna cercare di trovare i vaccini, i tamponi, ma non c’entra con la struttura complessa sul territorio della sanità, è un’accusa che non mi aspettavo da Sala. Messaggio del genere getta discredito su una regione che ha sofferto”.

Leggi anche: 1. 10 gare ma i vaccini in Lombardia non arrivano: ecco l’ultimo pasticcio della coppia Fontana-Gallera / 2. Esclusivo TPI: Regione Lombardia ha appaltato (con accordo di pagamento anticipato) 400mila dosi di vaccino antinfluenzale a un’azienda priva del bollino Anac / 3. L’inchiesta di TPI sui vaccini influenzali in Lombardia: “Sono in ritardo e distribuiti male”

2
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.