Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:03
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Romanzo Quirinale, Draghi sì, forse ma anche no: ecco tutte le alternative per il Colle

Immagine di copertina

Il banchiere-premier traballa, Berlusconi ci crede, Amato è odiato, Casini aspetta e spera. Ma questa volta c’è la variabile della prima donna presidente

Bella e impossibile, è la soluzione migliore per il problema del Quirinale. Problema che in un modo o nellaltro dovrà essere risolto nelle prime settimane del 2022, ma che al momento naviga nella nebbia più fitta. Fatta di nomi che si accavallano, di candidature nate e bruciate in poche ore, di giochetti tattici che preludono a giochi strategici che dovrebbero svilupparsi prossimamente su questi schermi. Eppure si tratta di eleggere il garante della nostra Costituzione, una persona (uomo o donna) che sia il Presidente di tutti, qualcuno sulle cui doti morali e capacità politiche possano contare tutti i partiti. E soprattutto tutti gli italiani.

Ecco perché la soluzione migliore sarebbe rieleggere Sergio Mattarella, un Presidente che ha dimostrato di saper fare il Presidente e che potrebbe continuare a dimostrarlo per qualche altro anno, magari fino alla fine della legislatura nel 2023. Garantendo così anche la prosecuzione del governo di Mario Draghi sostenuto dalla sua maggioranza, tanto ampia quanto anomala. Ma Mattarella ha detto e ripetuto che lui non intende restare sul Colle, quindi fine della speranza. A meno che non arrivi un ripensamento dellultimo minuto, magari causato da un Parlamento paralizzato dai veti reciproci e dagli scherzi dei franchi tiratori e quindi incapace di eleggere il suo successore e di garantire la vita di sé stesso e del governo.

La seconda ipotesi, al momento quella che va per la maggiore, è che al Quirinale venga eletto Draghi. Dopo settimane di silenzio su questo tema, finalmente il premier ha buttato lì qualche frase che tutti hanno interpretato come una sua disponibilità, anzi un suo desiderio di fare il capo dello Stato.

Ma questa uscita di Draghi non è piaciuta ai partiti che lo sostengono, i quali sanno benissimo che nel caso del suo trasferimento al Quirinale sarebbe molto complicato che la legislatura vada avanti con un altro premier, ovviamente un tecnico, quindi una sorta di controfigura dellex presidente della Bce. Per dirla volgarmente, un burattino che si muoverebbe solo in base agli ordini che gli impartirebbe il suo Capo. In questo caso, le probabilità che si vada a elezioni anticipate sono altissime, e quasi nessuno tra i partiti le vuole, tantomeno quei parlamentari uscenti che diventerebbero automaticamente usciti, visto il taglio previsto dalla riforma costituzionale approvata due anni fa. Quindi Draghi sì, Draghi forse, ma anche Draghi no.  E allora chi potrebbe salire al Colle?…
Continua a leggere l’articolo sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Proporrò un cambiamento radicale per l’Unione europea”
Politica / Luciano Canfora rinviato a giudizio per diffamazione verso Meloni
Politica / Giustizia sociale e ambientale: dialogo tra il cardinale Zuppi e Fabrizio Barca
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Proporrò un cambiamento radicale per l’Unione europea”
Politica / Luciano Canfora rinviato a giudizio per diffamazione verso Meloni
Politica / Giustizia sociale e ambientale: dialogo tra il cardinale Zuppi e Fabrizio Barca
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)