Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 19:03
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Roma, De Vito lascia il M5S: ora Raggi non ha più la maggioranza

Immagine di copertina

Il presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito esce dal M5s, che perde così  la maggioranza numerica in Aula: con la nuova uscita infatti – la sesta in 5 anni – il gruppo pentastelllato scende a 24 consiglieri, inclusa la sindaca Virginia Raggi, su un Consiglio di 49 eletti. Da tempo De Vito, primo candidato sindaco grillino a Roma nel 2013, era in dissenso con le scelte del suo partito. Altra frattura con il MoVimento si è aperta con le indagini a suo carico sul progetto dello stadio dell’As Roma, con il presidente dell’Aula a processo in primo grado perché accusato di corruzione.

Il mio percorso nel M5S finisce qui. Dopo 9 lunghi anni, intensi, importanti, decido di uscirne. Il motivo è che non avverto più alcun senso di appartenenza. Non riesco più a dire alle persone ‘Noi del Movimento 5 Stelle’. E questo per me è difficile da superare, impossibile direi”, ha spiegato De Vito su Facebook. La maggioranza di Raggi si era già assottigliata a marzo scorso, quando anche la consigliera Gemma Guerrini aveva lasciato il partito unendosi al gruppo misto, di cui già facevano parte la ex grillina espulsa Monica Montella e Maria Agnese Catini. In precedenza anche la consigliera capitolina Cristina Grancio era uscita dal M5S per aderire al partito socialista italiano.

Ti potrebbe interessare
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Ti potrebbe interessare
Politica / De Magistris: "Siamo tutti cavie, solo tra qualche anno sapremo cosa ci siamo messi nel braccio"
Opinioni / L’Istat calcola 5,6 milioni di poveri. Ma per certi politici e imprenditori i sussidi sono roba per fannulloni
Politica / Gallera: "Berlusconi mi ha chiesto di andare a Roma. Pronto per un incarico nazionale"
Politica / Stato di emergenza, Salvini contro Draghi: “No alla proroga, non ci sono i presupposti”
Politica / Non solo Grillo: Massimo D’Alema celebra “i grandi meriti del Partito Comunista Cinese”
Politica / Ora il Governo deve tirare fuori i dati. È un nostro diritto. Su AstraZeneca e mix vaccinale non sappiamo nulla (di L. Telese)
Politica / La "trappola" di Berlusconi: convincere Meloni a entrare nel partito unico
Politica / Barca a TPI: “La dote ai 18enni è stata spiegata male. Draghi? Un conservatore. E il suo Pnrr non ha visione”
Politica / Salvini: “Ora liberiamo gli italiani dall’obbligo della mascherina”
Politica / Vaccini, De Luca ci ripensa: anche la Campania si adegua al "mix vaccinale"