Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Rixi: “Dimissioni? Faccio quello che decide Salvini, non Di Maio o Conte”

Immagine di copertina

Edoardo Rixi: “Io rispondo a Salvini, non a Di Maio” | Caso Rixi | “Faccio quello che decide Salvini, non quello che decide Di Maio”. Lo dichiara Edoardo Rixi in un’intervista al Corriere della Sera, alla domanda se avesse intenzione di dimettersi in caso di condanna (la sentenza è attesa per domani, giovedì 30 maggio) per il processo “spese pazze” in Regione Liguria, che lo vede tra gli indagati (qui il riassunto della vicenda).

La vicenda, che dopo il Caso Siri (qui il riassunto) rischia di riaccendere le tensioni nel governo, potrebbe essere risolta ancora una volta dal Premier Giuseppe Conte, il quale potrebbe chiedere al viceministro alle Infrastrutture un passo indietro.

Un’eventualità che Rixi non esclude anche se aggiunge: “Non so se è il caso, non possiamo sempre fare passi indietro. Bisogna capire qual è la mediazione. Conte è il mio premier, ma se io sono viceministro è perché lo ha voluto Matteo”.

Sul Movimento 5 Stelle, che attraverso le parole di Alessandro Di Battista e del sottosegretario Stefano Buffagni, ha fatto sapere che Rixi dovrebbe lasciare in caso di condanna perché scritto nel contratto, il viceministro ha risposto: “Hanno ragione, ma nel contratto c’era anche scritto che Armando Siri non si doveva dimettere fino al rinvio a giudizio. O il contratto si applica
sempre, o non si applica. Raggi doveva andare a casa due volte e anche Appendino”.

Rixi, che ha sottolineato ancora una volta la sua estraneità ai fatti contestategli dalla Procura di Genova, ha detto di avere fiducia nei giudici, ma anche di temere che la vicenda si concluda in Cassazione, così come avvenuto per Ignazio Marino.

“Ho sentito di un giudice imparentato con un senatore 5 Stelle. Ma fortunatamente non sta nel mio collegio giudicante” conclude il viceministro.

Ti potrebbe interessare
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Ti potrebbe interessare
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio
Politica / Dal boom di Meloni e Decaro al flop 5 stelle: vincitori e vinti del voto di preferenza
Politica / Messaggi antisemiti, si dimette il portavoce del ministro Lollobrigida
Politica / Meloni vs Schlein: l’Italia è tornata nel bipolarismo?
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Esteri / L’estrema destra avanza in Germania e Francia, ma la coalizione “Ursula” regge. Macron convoca nuove elezioni