Covid ultime 24h
casi +18.916
deceduti +280
tamponi +323.047
terapie intensive +22

Liguria, Crimi blinda la candidatura di Sansa alle Regionali: “Vai avanti”. Poi arriva anche la “benedizione” di Grillo: “Superate le perplessità”

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 17 Lug. 2020 alle 12:50 Aggiornato il 17 Lug. 2020 alle 16:21
87
Immagine di copertina

Regionali Liguria, Crimi (M5S) blinda la candidatura di Sansa: “Vai avanti”

Il reggente del M5S Vito Crimi spegne sul nascere le frizioni all’interno del Movimento sulla figura di Ferruccio Sansa e blinda la candidatura del giornalista alle Regionali in Liguria. Crimi, infatti, ha fatto sapere di aver sentito Sansa e di avergli detto di andare avanti perché non c’era “nessun problema sulla candidatura”. Poco dopo è arrivata anche la “benedizione” di Beppe Grillo che, dopo aver sentito sia Vito Crimi che Luigi Di Maio, avrebbe confermato, smentendo che ci sia mai stato un veto su Sansa, che il candidato governatore del M5S resta lui dal momento anche che “sono state superate le perplessità”. Voci su un ripensamento del M5S sul candidato governatore, appoggiato anche dal Pd, si erano sparse nella mattinata di venerdì 17 luglio in seguito a un retroscena de La Repubblica secondo cui Luigi Di Maio e Beppe Grillo avrebbero messo il veto sul giornalista de Il Fatto Quotidiano. “Mi ha sempre attaccato” avrebbe rivelato Grillo a Di Maio, mentre il ministro degli Esteri si sarebbe sfogato con i suoi fedelissimi affermando: “Non possiamo candidare chi ci è sempre andato contro”, aggiungendo anche “Il Movimento così è allo sbando. Dobbiamo rialzare la testa”.

Con le sue dichiarazioni Vito Crimi prova a ricompattare il M5S, ma le tensioni all’interno del partito restano. Così come restano all’interno della maggioranza, con Matteo Renzi che ha già dichiarato che Italia Viva non appoggerà Sansa in quanto “simbolo di tutto quello che non condividiamo”. Nel frattempo, lo stesso Sansa si è congedato dai lettori del suo giornale con una lettera nella quale ha presentato la sua candidatura alle Regionali della Liguria, in cui sfiderà il candidato del centrodestra e governatore uscente Giovanni Toti. “La Liguria, in passato apripista in passaggi decisivi della vita italiana, può essere il luogo dove nasce un nuovo progetto politico di centrosinistra che non sia tenuto insieme da convenienza o disperazione”.

“Da ragazzi ci arrampicavamo sul masso più alto della scogliera. Erano giorni di luglio come questi, qui a Genova. Arrivati in cima, senza pensarci ci buttavamo nel vuoto. Saranno stati dieci metri di volo. Ma appena lasciata la roccia capivi che ormai ti eri tuffato, eri sospeso nell’aria. Non c’era verso di tornare indietro. Oggi mi sento così: mi sono candidato alle Regionali in Liguari, il salto è fatto”. Poi Sansa ha motivato la sua scelta di candidarsi appoggiato da M5S e Pd: “Nei mesi scorsi a Genova sono andati in tilt gli apparecchi per la radioterapia. I malati di cancro sono stati costretti a estenuanti pellegrinaggi in pullman per curarsi. Semplicemente perché non si era investito per comprare un apparecchio. Mentre la Regione ha speso un milione e mezzo per pubblicità istituzionale. Quasi propaganda con soldi pubblici. Questa immagine, i malati stipati sul bus, mi è tornata in mente quando mi hanno offerto di candidarmi. Potevo dire di no, oppure tentare un’altra strada per cambiare le cose”.

Leggi anche: 1. Regionali Liguria, Ferruccio Sansa per resistere a Salvini. Ma il M5S rischia di rovinare tutto 2. Il ritorno delle Sardine. Jasmine Cristallo a TPI: “Governo vergognoso sulla Libia. Non rifaremmo quella foto coi Benetton” / 3. De Benedetti: “Sono favorevole a un governo del Pd con Berlusconi. Tutto tranne Conte e Salvini” / 4. “Addio Benetton. Il governo ha vinto. E anche l’Italia”: Giarrusso (M5S) a TPI / 5. [Retroscena] – Nel Pd è saltato l’asse Zingaretti-Franceschini: ora il governo rischia davvero

87
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.