Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 13:56
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Regionali Liguria, su Rousseau vince il Sì per l’alleanza M5S-Pd

Immagine di copertina

Nuovo voto sulla piattaforma Rousseau per le elezioni regionali in Liguria. Per affrontare Giovanni Toti adesso Pd e M5S vanno compatti

Regionali Liguria, su Rousseau vince il Sì per l’alleanza M5S-Pd

Movimento Cinque Stelle – Pd: è di nuovo alleanza elettorale. A deciderlo è stata la consultazione sulla piattaforma digitale Rousseau. Ha vinto il Sì: il 57,7% degli iscritti al M5S in Liguria vuole correre la campagna elettorale per le elezioni regionali con il Pd. Dopo 24 ore di urne aperte, gli iscritti M5S abilitati al voto residenti in Liguria hanno risposto al quesito posto dal capo politico di aprire una trattativa con il Partito Democratico e con altre forze civiche e politiche, per le prossime elezioni regionali.

Si va verso un fronte compatto anti-centrodestra, con il nome unico che risponderà sia al PD che al M5S (probabilmente senza simboli, ma solo attraverso una lista civica) e ad altre forze politiche. Hanno partecipato al voto sulla piattaforma Rousseau 1664 iscritti e la vittoria del ‘Sì’ all’alleanza “con il Partito Democratico e con altre forze civiche e politiche” è arrivata con uno scarto di 256 voti: 960 hanno espresso parere favorevole e 704 hanno detto di no. In soldoni, dunque, il 57,7% dei partecipanti alla consultazione online ha dato il via libera alla richiesta fatta dal capo politico del Movimento 5 Stelle di avviare una trattativa con il PD per andare compatti verso le Regionali Liguria.

Come già indicato da Vito Crimi, a questo punto sarà la candidata Alice Salvatore – capogruppo regionale del Movimento ed eletta proprio su Rousseau un mese fa – a fare un passo indietro.  Dovrebbe immediatamente partire il tavolo con il centrosinistra e il Pd e, nel giro di pochi giorni, dovrebbe essere individuato un candidato civico unitario di tutta la coalizione. Alla finestra, e ancora fuori dal tavolo, sta Italia Viva, che non vedeva con interesse l’alleanza del Pd con il M5S.

Leggi anche:

Regionali Liguria, Ferruccio Sansa per resistere a Salvini. Ma il M5S rischia di rovinare tutto

Ti potrebbe interessare
Politica / Il giornalista “spia” nello staff del governo dei migliori: Renato Farina è il nuovo consulente di Brunetta
Politica / Fonti Lega a TPI: “Salvini ha paura delle elezioni: per questo non rompe con Draghi”
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Ti potrebbe interessare
Politica / Il giornalista “spia” nello staff del governo dei migliori: Renato Farina è il nuovo consulente di Brunetta
Politica / Fonti Lega a TPI: “Salvini ha paura delle elezioni: per questo non rompe con Draghi”
Politica / Soldi guadagnerà più di Foa. E intanto Fuortes parla coi leader dei partiti
Politica / Berlusconi sogna il Quirinale, Meloni teme la congiura: cosa c’è dietro il summit Silvio-Giorgia in Sardegna
Cultura / Quando Pennacchi mi disse: "Io non sono di destra, sono i fascisti che stavano a sinistra" (di C. Sabelli Fioretti)
Politica / Salvini ha presentato quasi mille emendamenti per fermare il Green Pass
Politica / Draghi non ha cancellato alcun segreto di Stato: ecco perché non vedremo mai i documenti scottanti NATO su Gladio e P2
Politica / La sindrome di Draghi nella Lega: Giorgetti è il leader parallelo che segue Mario
Politica / La Camera approva la riforma del processo penale: 396 sì
Politica / Nasce "Italia Domani", il sito per monitorare opere e costi del Pnrr