Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:14
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Al Quirinale non dispiace il silenzio di Draghi

Immagine di copertina

Questa mattina Mario Draghi sarà al Quirinale in occasione delle celebrazioni del giorno internazionale della donna e nel pomeriggio interverrà con un videomessaggio alla conferenza sulla parità di genere organizzata dalla ministra Elena Bonetti.

Ma non solo: sono previste altre due uscite pubbliche ad alto valore simbolico. Venerdì Draghi visiterà un centro vaccinale a Roma e la settimana successiva, giovedì 18, andrà a Bergamo per la cerimonia in occasione della giornata nazionale in memoria delle vittime del Coronavirus.

Non sarà solamente un viaggio della memoria ma, come spiegano da Palazzo Chigi, “un messaggio di speranza”. In molti sperano che stia per cominciare la “fase due” del governo Draghi, soprattutto per quanto riguarda la comunicazione e le apparizioni in pubblico.

Ed almeno in parte sarà così ma “non aspettatevi stravolgimenti” spiega chi conosce bene il Premier: l’uomo Draghi è fatto così, prendere o lasciare. Tanto concreto ed efficace nell’azione quanto silenzioso con le parole. Uno stile che anche sul Colle più alto della Capitale mostrano di apprezzare non poco.

D’altra parte che il rapporto tra i due sia solidissimo non è un mistero (spesso in passato il Capo dello Stato ha ascoltato i suoi consigli in materia economica) e se Mattarella dovesse cedere il posto di Presidente della Repubblica (come da sua intenzione e come tutto lascia prevedere) nulla probabilmente lo farebbe più felice che vedere super Mario sedere al suo posto.

“Si sono lamentati anche con Mattarella all’inizio. Il silente Mattarella. Poi si sono abituati ad avere un Presidente della Repubblica poco loquace ed ora lo apprezzano. Quelli bravi fanno le inchieste e approfondiscono le cose. Gli sciatti invece soffrono….”.

Questo il refrain che circola negli ambienti del Quirinale dove non sono affatto sorpresi dalle polemiche in corso sulla comunicazione non-comunicazione di Mario Draghi. Anche perché molto spesso le critiche al silenzio dei leader sono sinonimo della mancanza di “inciuci” con i direttori, ai quali sovente piace fare i “grandi suggeritori” della politica.

Leggi anche: Il diktat di Draghi ai ministri: parlate solo quando ci sono provvedimenti da spiegare

Ti potrebbe interessare
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio
Politica / Dal boom di Meloni e Decaro al flop 5 stelle: vincitori e vinti del voto di preferenza
Politica / Messaggi antisemiti, si dimette il portavoce del ministro Lollobrigida
Politica / Meloni vs Schlein: l’Italia è tornata nel bipolarismo?