Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Nel Pd non c’è nessuno che si occupa di lavoratori

Immagine di copertina

Nicola Zingaretti non è tornato più sull’argomento e può anche darsi che abbia cambiato idea. Certo quando all’inizio di marzo ha abbandonato la segreteria dei democratici il suo “mi vergogno che nel mio partito si parli solo di poltrone e di primarie” ha lasciato un segno indelebile. Dopo di lui, con la segreteria di Enrico Letta, la causa dell’anatema di Zingaretti cioè le correnti anziché ridursi sono cresciute e c’è chi pensa che cresceranno ancora. Ancora?

Il correntismo, come si chiamava una volta, ha fatto già male ai partiti della Prima Repubblica, soprattutto alla Democrazia Cristiana tanto che a un certo punto alcuni coraggiosi si misero in testa di combattere le correnti. Per farlo ne crearono un’altra a capo della quale c’era Mario Segni, l’uomo che nei primi tempi della Seconda Repubblica ha avuto in mano le sorti del Paese ma, vinta la battaglia contro le correnti, ha perso quella più impegnativa per il governo. Pazienza. Non ci sarà un’altra volta.

La situazione del Partito Democratico che ha preoccupato Zingaretti è invece assai meno preoccupante. Le correnti accusate di fomentare scontri sulle poltrone sono tutt’altra cosa. Sono portatrici di valori, di idee e sensibilità diverse, risorse che arricchiscono il loro partito e lo rendono più inclusivo e fascinoso.

Sarà per questo se l’ultima nata, ma non l’ultima a nascere, si definisce sorgente e che fa una sorgente se non alimentare con la freschezza del suo pensiero il proprio partito? Se poi i dirigenti di queste correnti o sorgenti o come diavolo si vogliano chiamare lavorino anche per proporsi in ruoli di vertice, al governo o altrove, in un momento in cui gli altrove sono infiniti, oppure non debbano neanche fare questo sforzo dato che al governo o in altrovi confortevoli si sono già insediati, di cosa li si può accusare? La politica non ha mai obbligato nessuno al voto di castità.

Casomai, considerato che il Partito Democratico ha da tempo tradito la “vocazione maggioritaria” alla quale l’aveva formata il fondatore Walter Veltroni ma non quello a sinistra, qualunque cosa voglia dire questa parola, si può eccepire che tra tante correnti fatte di politici e funzionari ci starebbe bene anche una più propriamente sindacale, qualunque cosa voglia dire oggi questa parola.

Insomma tra correnti che si chiamano Comunità democratica (Serracchiani, Del Rio), Base riformista (ex renziani). Prossima (zingarettiani senza Zingaretti), Leagorà (Goffredo Bettini, Gasbarra), Rigenerazione democratica (Paola De Micheli), Dems (non Dams) (Orlando, Provenzano), Areadem (Franceschini, Sereni) Giovani turchi (Orfini) dovrebbe pure esserci posto per una corrente che si occupi di lavoro e di lavoratori. Hai visto mai che potrebbe aiutare a definire meglio, come laburista, il partito che tanto ha deluso Zingaretti.

P.S: Promemoria per Enrico Letta. Il partito nel quale si è formato politicamente, la Democrazia Cristiana, al momento di sciogliersi contava “solo” quattro correnti organizzate. Azione popolare, Andreottiani, Area Zac e Forze Nuove.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Toti insiste e resiste
Opinioni / Lettera a TPI. Il consumismo ci sta uccidendo: molte persone lo hanno capito, la politica ancora no
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Toti insiste e resiste
Opinioni / Lettera a TPI. Il consumismo ci sta uccidendo: molte persone lo hanno capito, la politica ancora no
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Esteri / Vola la destra: l’Europa è finita?
Opinioni / No, Toti non ha agito nell’interesse dei cittadini liguri (e lo sapevamo anche prima dell’inchiesta)
Esteri / “Avrei bombardato Mosca e Pechino”: l’imprevedibilità di Trump e la guerra
Opinioni / Lettera a TPI – Il Pd e la necessità di definirsi anticapitalisti
Opinioni / Il ministro di una Difesa (per una volta) ragionevole – di R. Parodi
Opinioni / Abbiamo fatto l’Europa, ora facciamo gli europei (di G. Gambino)