Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 08:34
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Paola Taverna (M5s) si è appena laureata in Scienze Politiche. Non irridetela, lo studio è sempre intelligenza e fatica

Immagine di copertina
Paola Taverna festeggia la sua laurea. Credit: Luca Telese per TPI

Paola Taverna si è laureata in Scienze Politiche. Questa, comunque la pensiate, è una foto da emulare | Paola Taverna (M5S) si è laureata in Scienze Politiche | Paola Taverna si è laureata in Scienze Politiche. Non irridetela, lo studio è sempre intelligenza e fatica

È stata la laurea più dibattuta della storia politica italiana. Si laureò da fuori corso Piero Fassino, e fu poco più che una breve. Non si laureò mai il normalista Massimo D’Alema, né Walter Veltroni e nemmeno Achille Occhetto.

Il pezzo di carta, invece, lo aveva preso – e con grande orgoglio – Fabio Mussi: “Sai perché di quel gruppo sono stato l’unico? Perché ero figlio di operai, e non potevo permettermi di non finire l’università”.

Umberto Bossi era laureato in medicina, ma solo nella sua testa. Perché in realtà aveva il diploma della scuola Radio Elettra. Tuttavia usciva di casa con una valigetta da medico e la prima moglie era convinta – come raccontò Gian Antonio Stella, in un racconto memorabile – “che andasse in ospedale a visitare”.

Era laureato in una ormai celeberrima università albanese, Renzo Bossi detto “il trota”, in modo assai miracoloso, anche perché molti avanzavano il dubbio sul fatto che fosse diplomato.

Per una (finta) laurea si è chiusa una delle cento vite – quella politica – del geniale Gattone Oscar Giannino, che senza questo impiccio sarebbe potuto essere il leader liberale che all’Italia manca da sempre, e che invece fu costretto a ritirarsi quando stava toccando il 4 per cento con il suo Fare.

Più recentemente si è scoperto che la ministra dell’istruzione Valeria Fedeli non aveva neanche il diploma, e si è dibattuto molto sul Cursus honorum (assai esiguo) della ministra renziana Teresa Bellanova.

Non è mai stato facile, dunque, il rapporto tra la politica e l’alloro, e per questo – forse – ha suscitato grande e infuocato dibattito della rete la notizia della carriera di matricola che Paola Taverna raccontò, proprio su TPI.

Chi diceva che era un bluff, chi la irrideva. Adesso vi mostriamo questa foto. Comunque la pensiate – visto che lo studio è sempre intelligenza e fatica – è un bel documento. Non da discutere, ma semmai da emulare.

Teresa Bellanova, la signora ministro con la terza media e una laurea nella vita appresa sul campo (di Adele Grisendi)

Ti potrebbe interessare
Politica / Matteo Renzi querela Report: “Vicenda orchestrata, servono verifiche”
Politica / Tra Salvini e Meloni ora è gelo: "Non si parlano più". I motivi dello scontro
Politica / Conte: "Il mio governo caduto per interessi economici e politici"
Ti potrebbe interessare
Politica / Matteo Renzi querela Report: “Vicenda orchestrata, servono verifiche”
Politica / Tra Salvini e Meloni ora è gelo: "Non si parlano più". I motivi dello scontro
Politica / Conte: "Il mio governo caduto per interessi economici e politici"
Politica / Molte rischiano il ritorno in arancione. I governatori: "Abolire l'indice Rt"
Politica / Brevetti vaccini, Draghi apre a Biden: “Una deroga temporanea non è un danno per le aziende”
Politica / Roma, la libraia di Tor Bella Monaca che boicotta il libro di Giorgia Meloni: “So’ scelte, io so’ indipendente”
Politica / Draghi: “Il mercato del lavoro è ingiusto e danneggia donne e giovani”
Politica / Caso Zaki, Di Maio: "Più ne parliamo, più l'Egitto si irrigidisce"
Politica / Giorgia Meloni in lacrime: “Non sono omofoba. Da adolescente mi bullizzavano dandomi della cicciona”
Discutiamo! / La sinistra deve guidare la battaglia per ridare dignità al mondo del lavoro in Europa (di H. Bierbaum)