Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Adinolfi: “Zingaretti ha la terza media”. Ma non è così

Immagine di copertina

Nicola Zingaretti ha la terza media e se ne vergogna un po’, infatti in tutte le elogiative notine biografiche inviate ai giornali evita di citare il proprio titolo di studio. Ovviamente nessun giornalista si fa venire il dubbio. La sinistra prosegue con biliardino e Happy Days“.

Questo il messaggio pubblicato da Mario Adinolfi sui suoi profili social a commento della vittoria di Nicola Zingaretti alle primarie del Partito democratico (A questo link i risultati dettagliati).

Il messaggio pubblicato da Anolfi però non è corretto. Secondo quanto riportato sul sito Comuni-italiani.it Zingaretti non possiede effettivamente un titolo di laurea, ma avrebbe invece conseguito la licenzia di scuola media superiore.

Dire quindi che il nuovo segretario del Pd ha solo terminato la terza media non è corretto.

nicola zingaretti titolo di studio

Le primarie del Pd – Domenica 3 marzo 2019 quasi 1,8 milioni di italiani si sono recati ai gazebo del Pd per eleggere il nuovo leader dem.

I candidati per il ruolo di Segretario di partito erano tre: l’ex segretario reggente Maurizio Martina, il renziano Roberto Giachetti e l’attuale governatore della Regione Lazio, nonché vincitore, Nicola Zingaretti.

LEGGI ANCHE: Dibattito per le primarie del Pd, le pagelle di TPI

Le ultime primarie del Pd si sono svolte nel 2017, quando alle urne si recarono 1.848.658 i votanti: in quell’occasione a portarsi a casa la vittoria fu Matteo Renzi con 1.283.389 voti, pari al 70.01 per cento.

Qui il link all’intervista che TPI ha fatto a Nicola Zingaretti alcuni mesi fa: Molte più risorse su reddito di inclusione, infrastrutture e giovani: ecco il mio programma per il nuovo Pd

Il dato dell’affluenza del 2019 supera il risultato che i dem si erano dati, ma negli anni si è assistito ad un calo progressivo: nel 2005, primo anno in cui si sono tenute le primarie gli elettori furono oltre 6 milioni, scesi pi a 3,5 nel 2007, 3,1 nel 2009 e nel 2012, 2,8 nel 2013 e infine 1,8 nel 2017.

Nicola Zingaretti –  Romano classe 1965, attualmente ricopre la carica di presidente della Regione Lazio. È stato eletto nel 2013, battendo il candidato del centrodestra Francesco Storace e nel 2018 è stato rieletto per un secondo mandato, sconfiggendo questa volta Stefano Parisi. (Qui il suo profilo)

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ballottaggi, affluenza in calo: alle 19 è al 26,71%
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ballottaggi, affluenza in calo: alle 19 è al 26,71%
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso
Politica / Maurizio Landini a TPI: “Oggi la nostra piazza sarà più forte di loro, scendete insieme a noi”
Politica / Via libera del Cdm al Dl fisco, il governo si spacca sul reddito di cittadinanza
Politica / Il candidato romano di Meloni a Tor bella monaca che non rinnega "camicia nera e saluto romano"
Politica / Indiscreto: Merkel offre a Draghi lo scettro d’Europa
Politica / L’ultimo volo di Alitalia, il sindaco di Fiumicino al gate: “Ita non ha visione e nessuno pensa ai lavoratori dell’indotto”
Politica / Chi flirta col Ventennio: ecco chi sono i nostalgici imbucati tra Lega e Fratelli d’Italia
Cronaca / Scontro Salvini-Letta sul Green Pass: “Semplificare vita ai non vaccinati”. Il leader Pd: “Non cedere su regole”