Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari

Immagine di copertina

La transizione ecologica può attendere. Almeno quando c’è da stampare la valanga di carta che, a quanto pare, è fondamentale per l’attività dei nostri deputati. E così, invece che intraprendere la strada “green” della digitalizzazione, a Montecitorio ancora si è costretti a stampare qualsiasi documento. Risultato? Una spesa salatissima. Il prossimo 9 giugno scadrà il termine per le offerte di un maxi-appalto indetto dall’organo presieduto da Roberto Fico: 33,6 milioni di euro per i «servizi di elaborazione e stampa degli atti parlamentari della Camera dei deputati». Insomma, meglio avere in formato cartaceo atti, interrogazioni, delibere e proposte di legge. Una montagna di carta che si spera quantomeno sia utile.

La rettifica della Camera dei deputati

Riceviamo e pubblichiamo la rettifica dell’Ufficio stampa della Camera dei deputati:

La procedura di appalto triennale, per un ammontare complessivo di 33,6 milioni di euro, riguarda la fornitura congiunta di servizi di elaborazione e stampa sia della Camera dei deputati che del Senato della Repubblica.

Per quanto attiene alla Camera, l’importo dell’appalto ammonta a 20.550.000 sul triennio, ovvero 6.850.000 € l’anno. La massima parte dell’importo annuale (6.300.000 € circa) è riferita a prestazioni di composizione e predisposizione elettronica dei testi, mentre le cifre di spesa che ogni anno riguardano la stampa degli atti parlamentari rappresentano una percentuale ristretta (circa 500.000 €), a conferma dell’obiettivo di ridurre le tirature ed il potenziamento del print on demand. 

La Camera dei deputati ha avviato negli ultimi anni un impegnativo percorso di transizione volto non solo a mettere a disposizione dei cittadini testi in formato digitale, ma anche a trasformare i processi di lavoro interni. La presentazione in formato digitale degli emendamenti, delle proposte di legge e degli atti di sindacato ispettivo è un esempio in questo senso. Il percorso potrà beneficiare dei progressi della digitalizzazione e dell’interoperabilità tra tutti i soggetti che con la Camera dialogano, trasmettendo documenti, atti, relazioni. Negli ultimi dieci anni, infatti, il numero delle pagine stampate è sceso dagli 87,6 milioni del 2012 ai 24,2 del 2021.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / Di Battista contro il mancato strappo del M5S: “E anche oggi il Movimento 5 Stelle esce dal governo domani”
Politica / Gelo nel Pd dopo il tentato strappo M5S: “Non si sta così al governo”. Conte: “Le alleanze non sono un dato acquisito”
Politica / Di Maio vede Sala per parlare di un nuovo progetto politico
Ti potrebbe interessare
Politica / Di Battista contro il mancato strappo del M5S: “E anche oggi il Movimento 5 Stelle esce dal governo domani”
Politica / Gelo nel Pd dopo il tentato strappo M5S: “Non si sta così al governo”. Conte: “Le alleanze non sono un dato acquisito”
Politica / Di Maio vede Sala per parlare di un nuovo progetto politico
Politica / M5S, Conte dopo l’incontro con Draghi: “Restiamo nel governo ma serve discontinuità”
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Politica / Rimandato il faccia a faccia tra Conte e Draghi. Si vedranno il 6 luglio
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”