Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Giorgia Meloni, lite furiosa in tv con Lucia Annuziata: “Fascismo? È ridicolo”

Immagine di copertina
Giorgia Meloni e Lucia Annunziata

Duro scontro in diretta tv tra Giorgia Meloni e Lucia Anunziata.

La leader di Fratelli d’Italia era ospite della trasmissione “Mezz’ora in più” su Rai Tre.

I toni si sono accesi fin da subito, con Meloni che accusava ripetutamente Annunziata di non farle finire i propri interventi, interrompendola: “Mi faccia almeno finire, non si può fare un’intervista così, non mi fa parlare”.

Dura la replica della conduttrice: “Lei sta parlando, l’abbiamo invitata apposta”.

Uno primo battibecco che ha rappresentato il preludio al vero scontro, quello che si è consumato a proposito di temi quali la sicurezza, le periferie e, manco a dirlo, il fascismo.

La leader di Fratelli d’Italia si è accesa quando Annunziata le ha chiesto dei rapporti con CasaPound: “Mi chiede di Casapound, io sono un’altra cosa. Ci sta tanta gente non ideologizzata, non potete far finta di nulla. Lei ha fatto 40 puntate senza mai parlare di fascismo, ora che c’è la campagna elettorale ne riparliamo e mi fa la domanda senza chiedermi nulla sul mio programma”.

Poi l’affondo di Meloni: “Il fascismo non sta ritornando. Il fascismo scatta quando scatta la par condicio. Appena finirà la campagna elettorale, il problema non ci sarà più. Trovo abbastanza ridicolo e triste che ogni volta che vengo intervistata dal servizio pubblico mi si chiede della storia e non dei programmi del mio partito. Chieda a Zingaretti del comunismo e dei morti che ha fatto, deve valere per tutti”.

La leader di Fratelli d’Italia ha parlato anche del ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Sicuramente Salvini è stato l’uomo forte del governo, ma in tema di contenuti ha ceduto. C’è il reddito ma non la tassa piatta, non ci sono aiuti alle famiglie, sulla castrazione chimica la Lega non ha votato la nostra proposta”.

QUI IL VIDEO DELLA PUNTATA CON LO SCONTRO MELONI-ANNUNZIATA

Vorrei nascere Giorgia Meloni: analisi di una leader che fa politica imitando Salvini (di Giulio Cavalli)
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Ti potrebbe interessare
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”
Politica / Segreti di Stato: il buco nero della direttiva Draghi sui dossier Nato
Politica / D’Alema a TPI: “Nel pensiero di Berlinguer la sinistra può trovare le risposte ai problemi di oggi”
Politica / Facciamo eleggere: la campagna per le amministrative del Forum Disuguaglianze e Diversità. “Sosteniamo chi si batte per giustizia sociale e ambientale”