Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:46
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Mattarella invoca la pace: “Non è automatica, ma figlia della volontà dei popoli”

Immagine di copertina
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella a Strasburgo, durante il suo intervento all'assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa. Credit: ANSA / Francesco Ammendola

Mattarella invoca la pace: “Non è automatica, ma figlia della volontà dei popoli”

“Pace”. È la parola d’ordine del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, che in un discorso al Consiglio d’Europa oggi ha invocato il dialogo e la distensione per fermare un’escalation in Ucraina.

Nel suo intervento a Strasburgo, Mattarella ha sottolineato come la Russia “abbia scelto di collocarsi fuori dalle regole a cui aveva liberamente aderito”, scatenando una guerra la cui responsabilità “ricade interamente sul governo della Federazione Russa”. “Desidero aggiungere: non sul popolo russo, la cui cultura fa parte del patrimonio europeo e che si cerca colpevolmente di tenere all’oscuro di quanto realmente avviene in Ucraina”, ha specificato il capo dello Stato, che ha invitato a prendere a prestito il linguaggio della guerra fredda, elencando una serie di punti “per vedere se ci possono aiutare a riprendere un cammino, per faticoso che sia”. “Distensione: per interrompere le ostilità. Ripudio della guerra: per tornare allo statu quo ante. Coesistenza pacifica, tra i popoli e tra gli stati. Democrazia, come ci insegna il prezioso lavoro della Commissione di Venezia del Consiglio d’Europa, come condizione per il rispetto della dignità di ciascuno”, ha detto Mattarella, prima di prendere a riferimento le conferenze del passato. “Infine, Helsinki e non Yalta: dialogo, non prove di forza tra grandi potenze che devono comprendere di essere sempre meno tali. Prospettare una sede internazionale che rinnovi radici alla pace, che restituisca dignità a un quadro di sicurezza e di cooperazione, sull’esempio di quella Conferenza di Helsinki che portò, nel 1975, a un Atto finale foriero di sviluppi positivi. E di cui fu figlia la Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa”, ha affermato il presidente della Repubblica, che ha ricordato come la pace “non si impone automaticamente, da sola, ma è frutto della volontà degli uomini”.

“Quanto la guerra ha la pretesa di essere lampo, e non le riesce”, ha detto Mattarella, “tanto la pace è frutto del paziente e inarrestabile fluire dello spirito e della pratica di collaborazione tra i popoli, della capacità di passare dallo scontro e dalla corsa agli armamenti, al dialogo, al controllo e alla riduzione bilanciata delle armi di aggressione”. “È una costruzione laboriosa, fatta di comportamenti e di scelte coerenti e continuative, non di un atto isolato”, ha aggiunto. “Se perseguiamo obiettivi comuni, per ‘vincere’ non è più necessario che qualcun altro debba perdere. Vinciamo tutti insieme. La pace non si impone automaticamente, da sola, ma è frutto della volontà degli uomini”.

Nel suo intervento Mattarella è tornato ripetutamente a chiedere la promozione della pace e del dialogo, senza mancare di condannare la decisione russa di scatenare il conflitto. “La guerra è un mostro vorace, mai sazio. La tentazione di moltiplicare i conflitti è sullo sfondo dell’avventura bellicista intrapresa da Mosca”, ha detto Mattarella, che ha chiesto alla comunità internazionale di fermare la proliferazione delle violenze. ”Dobbiamo saper scongiurare il pericolo dell’accrescersi di avventure belliche di cui, l’esperienza insegna, sarebbe poi difficile contenere i confini. Dobbiamo saper opporre a tutto questo la decisa volontà della pace. Diversamente ne saremo travolti”, ha aggiunto l’ex democristiano, ministro della Difesa durante i governi di Massimo D’Alema e Giuliano Amato. “Alla comunità internazionale tocca un compito: ottenere il cessate il fuoco e ripartire con la costruzione di un quadro internazionale rispettoso e condiviso che conduca alla pace”, ha chiesto.

Ti potrebbe interessare
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Ti potrebbe interessare
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna
Politica / Piantedosi: “Condivido richiamo Mattarella, anche sugli insulti. Scontri casi isolati”
Politica / Malumore in Forza Italia per le continue assenze di Marta Fascina
Politica / Sardegna, vince il centrosinistra. La neo-presidente Todde: "Alleanza M5S-Pd unica via". Meloni: "Impareremo dalla sconfitta". Salvini: "Il Governo è saldo"
Politica / Europee, Salvini continua a "corteggiare" Roberto Vannacci
Politica / Elezioni regionali in Sardegna, affluenza in aumento: 44,1% alle 19
Politica / Il richiamo del Colle contro i manganelli ai cortei pro-Palestina, la destra non ci sta: “È colpa della Sinistra e dei provocatori”