Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

“Non mi ha votato neanche il mio cane”: a Ventotene il candidato sindaco Mario Adinolfi prende zero preferenze

Immagine di copertina

Mario Adinolfi prende zero voti: era candidato sindaco a Ventotene

Flop per Mario Adinolfi, che a Ventotene ha preso zero voti: il leader del “Popolo della famiglia”, infatti, ha preso zero voti.

A correre per la poltrona di primo cittadino dell’isola laziale erano in quattro: Carmine Caputo con la lista civica “Insieme per Ventotene”, eletto sindaco con 274 voti, Gerardo Santomauro di “Uniti per il bene di Ventotene”, che ha raccolto 223 preferenze, Luca Vittori del Partito gay Lgbt+, il quale ha raccolto un voto e, per l’appunto, Mario Adinolfi che, come detto, non è riuscito ad accaparrarsi nemmeno una preferenza.

mario adinolfi ventotene

Adinolfi aveva deciso di candidarsi a Ventotene perché “non si fanno più figli” e dicendo di voler “ripopolare l’isola cancellando l’aborto con il reddito di maternità“.

“Un’isola che quali Maldive e Caraibi, un luogo che le Baleari ce spicciano casa: è Ventotene. Qui non nascono più bambini, i morti sono il triplo dei neonati. Mi sono candidato sindaco per (ri)portare la bellezza della famiglia e dei bimbi in un luogo che deve guardare al futuro” aveva scritto su Twitter il leader del “Popolo della famiglia”.

“A Ventotene lo scontro tra bande rende impraticabile lo spazio democratico. Un voto al partito gay, nessun voto al Popolo della Famiglia, 500 voti alle due bande. Brutto segnale di controllo del voto, ma in alcune piccole realtà funziona così. Insisteremo perché l’isola cambi” è stato il primo commento a caldo di Mario Adinolfi.

Poi, in un secondo tweet, il candidato sindaco ha scritto: “Niente, a Ventotene non mi ha votato neanche il mio cane. (Ho provato a forzare modalità paramafiose del voto nei piccoli centri meridionali. Ho perso. La democrazia funziona anche così. Ma mi ricandiderò a Ventotene e la cambierò, perché il cambiamento è necessario come l’aria).”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Piantedosi: “Condivido richiamo Mattarella, anche sugli insulti. Scontri casi isolati”
Politica / Malumore in Forza Italia per le continue assenze di Marta Fascina
Politica / Sardegna, testa a testa Todde-Truzzu: centrosinistra avanti a Cagliari e Sassari
Ti potrebbe interessare
Politica / Piantedosi: “Condivido richiamo Mattarella, anche sugli insulti. Scontri casi isolati”
Politica / Malumore in Forza Italia per le continue assenze di Marta Fascina
Politica / Sardegna, testa a testa Todde-Truzzu: centrosinistra avanti a Cagliari e Sassari
Politica / Europee, Salvini continua a "corteggiare" Roberto Vannacci
Politica / Elezioni regionali in Sardegna, affluenza in aumento: 44,1% alle 19
Politica / Il richiamo del Colle contro i manganelli ai cortei pro-Palestina, la destra non ci sta: “È colpa della Sinistra e dei provocatori”
Politica / Mattarella sulle cariche ai cortei pro-Palestina: "Con i ragazzi i manganelli esprimono un fallimento"
Politica / “Navalny era un nazifascista, no alla cittadinanza onoraria”: la protesta a Reggio Emilia
Politica / Lascia il consiglio comunale per allattare, candidata del Pd attaccata dalla Lega: “Come potrà fare il sindaco?”
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza