Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:56
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Stadio Roma: dopo 3 mesi di carcere, Marcello De Vito ottiene i domiciliari

Immagine di copertina
Credit: ANSA/CLAUDIO PERI

Stadio Roma: dopo 3 mesi di carcere, Marcello De Vito ottiene i domiciliari

Dopo 3 mesi di carcere per la vicenda riguardante lo Stadio della Roma, l’ex presidente dell’assemblea Capitolina Marcello De Vito, arrestato il 20 marzo scorso, ottiene gli arresti domiciliari.

Marcello De Vito: ecco chi è il numero due della Raggi arrestato per presunte tangenti

Lo ha stabilito il gip Maria Paola Tomaselli, che ha accolto un’istanza presentata dal legale Angelo Di Lorenzo, difensore di De Vito.

L’esponente del M5S era stato arrestato all’alba del 20 marzo scorso per corruzione nell’ambito dell’indagine sulle presunte tangenti versate per la costruzione del nuovo stadio della Roma.

Pochi giorni fa, anche Camillo Mezzacapo, avvocato di De Vito considerato il suo braccio destro nella vicenda delle presunti tangenti intascate, aveva ottenuto gli arresti domiciliari.

All’epoca dell’arresto, la sindaca di Roma Virginia Raggi aveva commentato: “Nessuno sconto. A Roma non c’è spazio per la corruzione. Chi ha sbagliato non avrà alcuno sconto da parte di questa amministrazione. La notizia dell’arresto di Marcello De Vito è gravissima: ho piena fiducia nella magistratura e nel lavoro dei giudici”.

Luigi Di Maio, invece, capo politico del M5S aveva annunciato l’espulsione di De Vito dal Movimento.

Di Maio ha espulso dal M5S Marcello De Vito, arrestato per corruzione

Tuttavia, De Vito non si è mai dimesso da presidente dell’assemblea Capitolina né il Movimento 5 Stelle ha mai revocato la sua nomina.

Un pasticcio, che proprio nella giornata di venerdì 5 luglio ha convinto il vicepresidente dell’assemblea capitolina Enrico Stefàno a rassegnare le sue dimissioni.

Ti potrebbe interessare
Politica / Porta a Porta, solo uomini da Bruno Vespa per parlare d’aborto. La presidente Rai Soldi richiama il conduttore
Politica / D’Antuono (Volt) a TPI: “Elezioni europee? Serve una riforma elettorale. Ecco cosa vogliamo fare”
Politica / Ilaria Salis candidata alle Europee: “Se eletta va subito liberata”
Ti potrebbe interessare
Politica / Porta a Porta, solo uomini da Bruno Vespa per parlare d’aborto. La presidente Rai Soldi richiama il conduttore
Politica / D’Antuono (Volt) a TPI: “Elezioni europee? Serve una riforma elettorale. Ecco cosa vogliamo fare”
Politica / Ilaria Salis candidata alle Europee: “Se eletta va subito liberata”
Politica / Europee, Ilaria Salis vicina alla candidatura con Avs
Politica / Mattarella: “Il rischio che il conflitto in Medio Oriente si allarghi è drammaticamente presente”
Politica / Draghi: “Proporrò un cambiamento radicale per l’Unione europea”
Politica / Luciano Canfora rinviato a giudizio per diffamazione verso Meloni
Politica / Giustizia sociale e ambientale: dialogo tra il cardinale Zuppi e Fabrizio Barca
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran