Covid ultime 24h
casi +15.943
deceduti +429
tamponi +327.704
terapie intensive -51

Marattin (Italia Viva) multato per un pranzo in terrazza con gli amici: ha violato le norme anti-Covid

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 30 Mar. 2021 alle 12:20
611
Immagine di copertina

Pranzo in terrazza: Marattin multato per aver violato le norme anti-Covid

Il deputato di Italia Viva Luigi Marattin, presidente della commissione Finanze della Camera, è stato multato per aver violato le norme anti-Covid a causa di un pranzo in terrazza avvenuto nella giornata di domenica 28 marzo.

A darne notizia è Il Fatto Quotidiano, successivamente attaccato dallo stesso onorevole che ha dichiarato: “Farò di tutto per scoprire come è possibile che un quotidiano abbia scoperto la notizia mentre io stavo ancora scrivendo il post”.

Marattin, infatti, ha ammesso l’accaduto attraverso un post sul suo profilo Facebook in cui si è scusato per aver violato le norme anti-Covid.

“L’importanza di essere umani e quindi imperfetti” ha scritto il deputato di Italia Viva. “Ieri pomeriggio (domenica n.d.r.) nella mia abitazione a Roma si è registrata una violazione della normativa anti-Covid, nella forma di un pranzo non consentito (non ha alcuna importanza se tale violazione riguardasse o meno il sottoscritto, visto che sono ovviamente responsabile di ciò che accade e di cui sono a conoscenza)”.

“Le forze dell’ordine – che erano alla ricerca di una violazione ben più grave in un appartamento della zona, ma che si sono per caso imbattute nella nostra – sono intervenute e hanno irrogato le sanzioni conseguenti – scrive ancora Marattin – Ringrazio le forze dell’ordine per il loro lavoro e chiedo scusa. Un parlamentare ha l’obbligo di dare il buon esempio e certamente così non è stato in questo caso”.

Secondo quanto ricostruito, il deputato di Italia Viva e la sua compagna hanno invitato a pranzo cinque amici, contravvenendo alle norme anti-Covid che non prevedono la presenza di non conviventi all’interno della propria abitazione.

“Sono debole anch’io” ha confessato Marattin a Rai News 24, che a Il Fatto Quotidiano ha invece smentito di far fatto “bisbocce” in terrazza: “Macché bisbocce. Io quando sono arrivati i carabinieri ero in camera a lavorare. Sono arrivati i carabinieri avvertiti per via degli schiamazzi e della musica a tutto volume di chi si era riunito nella terrazza dia fianco alla nostra. La mia fidanzata aveva invitato cinque amici”.

Leggi anche: Renzi al Gp del Bahrein offende gli italiani costretti al lockdown

611
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.