Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Luca Bizzarri contro Marta Collot. Ed Elio Germano si schiera con Unione Popolare

Immagine di copertina

“La signora insegna a scuola”. Questo il commento su Twitter – con tanto di video – del noto attore comico, presidente della fondazione Palazzo Ducale di Genova, Luca Bizzarri, rivolto a Marta Collot, insegnate precaria, portavoce nazionale di Potere al popolo e candidata da Unione popolare alle imminenti elezioni politiche, che durante la manifestazione contro la guerra a Bologna ha bruciato con un fumogeno la riproduzione di una bolletta.

Il video “incriminato” e commentato da Bizzarri allegava un tweet della politica: “Oggi Unione Popolare in corteo a Bologna, contro la guerra e la NATO, contro chi ci dice che dobbiamo fare sacrifici per finanziare gli invii di armi e l’aumento delle spese militari, chi ci impone un’economia di guerra e poi permette la speculazione sulle bollette”. Il tweet di Bizzarri, però, invece di far sorridere, ha generato una vera e propria polemica. In tanti infatti hanno espresso solidarietà dalla Collot e attaccato l’attore che ha poi perso le staffe: “Mezze pippe” perché “bruciare le bollette in piazza non si risolve il problema delle bollette”. Quindi la replica dell’esponente di Unione Popolare: “Da mesi il delirio bellico spinge a fare le liste di pacifisti che non dovrebbero stare nelle scuole, sui media, nelle università e nelle piazze”. Poi la controrisposta di Bizzarri: “Dove ho scritto che non dovrebbe insegnare? Il senso del mio commento è che spero che insegnanti e politici non si comportino come dei sedicenni con i fumogeni. Poi se lo fanno fatti loro, ma i voti vanno da un’altra parte”. 

A favore di Unione Popolare si è invece apertamente schierato Elio Germano: “Mio nonno era molisano e dopo la guerra è venuto a Roma perché non aveva più niente da mangiare, è stato arrestato: non aveva il permesso di soggiorno. Oggi tutto questo capita alle persone che non sono italiane e che si sentono straniere nella nostra terra anche se qui vanno a scuola e anche se sono qui da diversi anni e lo Stato non riesce a venirgli incontro in alcun modo. Per cui per far sì che noi molisani non facciamo agli altri quello che noi abbiamo subìto, io direi che per queste elezioni bisogna votare Unione Popolare”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, bollette in fiamme davanti alla sede di Cassa Depositi e Prestiti: “Lo Stato tassi gli extraprofitti” | VIDEO
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, bollette in fiamme davanti alla sede di Cassa Depositi e Prestiti: “Lo Stato tassi gli extraprofitti” | VIDEO
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Politica / “Caro Pd, o cambi o ti estinguerai”: viaggio nei circoli dem di Roma dopo la debacle elettorale
Politica / Gas, Meloni: “La priorità è fermare la speculazione”. La Farnesina convoca l’ambasciatore russo
Politica / La madre di Giorgia Meloni contro Rula Jebreal: “Si vergogni di attaccare mia figlia usando la storia del padre”
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Politica / Ecco l’Italia di Giorgia: viaggio tra i sostenitori di Meloni
Politica / Governo, Berlusconi: "Massima comunità d’intenti nel centrodestra". Lega, lo strappo di Bossi