Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Lettera di uno studente 16enne: “Non c’è un pericolo di ritorno del fascismo”

Immagine di copertina

La lettera di un lettore di TPI alla redazione:

Gentilissima Redazione, egregio Direttore,

ho 16 anni e penso che con la vittoria della destra alle elezioni non ci sarà alcun pericolo di ritorno del fascismo. Questo, però, è possibile solo perché le nostre istituzioni sono molto più forti e consapevoli di quanto non lo fossero 100 anni fa. Per fortuna, infatti, non ci sono più le condizioni affinché un fenomeno deleterio come il fascismo possa rivivere formalmente.

L’ideologia fascista in Italia non è mai morta, e non stupisce che molti esponenti dell’odierna destra non l’abbiano mai rinnegata. I fascisti sono pochi, è verissimo; ma pochi lo erano anche quando agli inizi usurparono la democrazia con la violenza. La Storia dovrebbe averci insegnato molte cose, che purtroppo, a quanto pare, non abbiamo mai appreso del tutto. Io penso che chiunque non si vergogni ancora del fascismo non sia degno di governare un Paese profondamente antifascista per storia e costituzione. 

Mussolini fu un delinquente in piena regola. Un criminale, che spaccò la testa ai giornalisti e agli oppositori politici, che rinchiuse ed “uccise” in manicomio la moglie e il figlio; che mandò migliaia di italiani a morire inermi in guerra e che contribuì alla strage di milioni di ebrei, omosessuali, Sinti e disabili. Il Duce fu un criminale anche contro il suo stesso popolo, tanto da azzerarne ogni diritto e dignità. 

Il fatto che in molti credano ancora nelle sue idee dimostra che non si è trattato di un fenomeno limitato a un folle dittatore del passato. Il fascismo non ritornerà; ma è ancora tra noi, vivo in altre forme, e va combattuto ogni giorno.

Flavio Maria Coticoni
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)
Politica / Il capitano Ultimo scopre il volto dopo 31 anni. Il video
Politica / Meloni: “L’Aquila un modello, risposta dello Stato da subito”
Politica / Stadio Roma, emessa la sentenza di primo grado: nove condanne e dieci assoluzioni