Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Letta ora teme la disfatta a Siena: nel Pd qualcuno gli ha teso un’imboscata?

Immagine di copertina

Al Nazareno è cominciata la caccia alle streghe su Siena. Le domande che si fa l’inner circle che sostiene Enrico Letta (che si è affrettato a fare gli auguri a Giuseppe Conte per tenerselo buono in vista delle suppletive) sostanzialmente sono: chi ha convinto il segretario a candidarsi nello sventurato collegio toscano, dopo le iniziali titubanze? Come mai UniCredit ha anticipato il piano di annessione dell’istituto senese in modo assolutamente non previsto? Cambiava qualcosa se una fusione così onerosa fosse stata annunciata ad ottobre, a seggio assegnato (come peraltro, a quanto è in grado di rivelare TPI, da palazzo Chigi in un primo momento avevano ampiamente assicurato per non interferire con la campagna elettorale)? E soprattutto c’è una relazione tra i due fatti? Ovvero, chi ha consigliato Letta sapeva che Unicredit avrebbe bruciato i tempi?

In questo modo, una elezione suppletiva sonnacchiosa, di fatto senza avversari, rischia di trasformarsi in una prova del fuoco, in un duello all’ultimo sangue. Già, perché al Nazareno sono più che convinti che se Enrico Letta l’avesse saputo difficilmente si sarebbe candidato. Con gli occhi di oggi, a preoccupare Letta, è anche il silenzio della coalizione: Renzi che ha escluso subito qualsiasi velleità, il competitor interno Andrea Marcucci che sulle colonne della Nazione si è schierato con il segretario, la sostanziale distanza manifestata da Conte e dall’inquieta galassia grillina.

“Stanno preparando qualcosa?” si domandano preoccupati gli orlandiani che mettendo le mani avanti fanno sapere che a suo tempo sconsigliarono al segretario di candidarsi a Siena. E così ancora una volta tutti guardano a Dario Franceschini e ne scrutano attentamente le mosse. Il ministro della Cultura, sceso in silenzio stampa dopo che il segretario ha deciso di sostituirlo a capo delegazione presso il governo -cosa che Dario non ha mai digerito – proprio con il mai troppo amato Andrea Orlando medita di prendersi la “sua” rivincita in quel di Siena? Chissà.

Ed il centrodestra continuerà ad essere silente o alla fine proverà la mossa del cavallo e candiderà nel collegio di Letta, l’agguerritissimo sindaco del capoluogo Luigi De Mossi? Se così fosse per Enrico Letta il ‘Game Over’ potrebbe essere molto più vicino di quanto non si pensi e con esso il suo ritorno a Parigi. Insomma, agosto per Letta rischia di essere un altro mese “sereno”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Ti potrebbe interessare
Politica / Luca Lotti escluso dalla lista Pd: “Scelta politica, niente scuse vigliacche”
Politica / Come e perché Giorgia Meloni vuole modificare il Pnrr se sarà eletta
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”