Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 00:02
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Letta prepara l’embrione del nuovo Ulivo ma Calenda e Renzi pensano al terzo polo

Immagine di copertina

Letta continua a tessera la tela, stavolta a livello nazionale, della coalizione costruita a Siena. L’embrione del nuovo Ulivo, “da Renzi a Fratoianni”. Un primo passo potrebbe concretizzarsi proprio nei ballottaggi di metà ottobre. E probabilmente anche di questo avranno discusso nei giorni scorsi Enrico Letta e Romano Prodi alla festa per i 70 anni di Pier Luigi Bersani a cui ha preso parte buona parte del governo e un pezzo di storia del centrosinistra. “Letta ha salutato tutti – racconta un ospite – ma ha parlato a lungo soltanto con Prodi, una lunghissima chiacchierata appartati”. Soli soletti.

Ma non tutti accetteranno di buon grado le strategie del segretario dem pisano. Perché in Parlamento è già partita la corsa per creare i nuovi gruppi liberaldemocratici. Una corsa che vede pronti ai nastri di partenza Carlo Calenda e Matteo Renzi, e come spettatori molto interessati una componente di Forza Italia, Coraggio Italia del governatore Toti e del sindaco Brugnaro, un manipolo di prossimi fuoriusciti del Pd, Più Europa di Emma Bonino.

Chi sta lavorando al progetto spiega a TPI che i leader di Italia Viva e di Azione non scioglieranno i loro partiti, ma che “si tratterà di mettere in campo un gruppo parlamentare comune, che sia attrattivo per i nuovi arrivati e che sia nei fatti il vero presidio del sostegno a Mario Draghi”. Intanto tra i due, Renzi e Calenda, e questa è un’altra notizia, dopo mesi di indifferenza, c’è stata la prima chiacchierata distesa.

I risultati di Roma e quelli raccolti da Iv un po’ in tutta Italia sono serviti a sdoganare un’idea che era nell’aria da mesi, i tonfi di Conte e le difficoltà di Salvini hanno convinto anche i più riluttanti. Gli obiettivi del nuovo gruppo, spiegano fonti di primissimo piano vicine al dossier, sarebbero due: concentrare un numero adeguato di parlamentari per pesare nel risiko del Quirinale e soprattutto preparare per tempo il battesimo elettorale, anche nel caso di elezioni anticipate. ‘Non ci faranno il regalo di un ritorno al proporzionale’ spiega un deputato centrista, ‘ma noi puntiamo a raggiungere una percentuale importante, intorno al 15%, potrebbe andarci bene anche il Rosatellum’.

“Letta dovrà fare una scelta di campo”, aggiunge un altro, “o noi con la nostra cultura liberale o Conte con le sue aberrazioni populiste. Se farà la stessa cosa che ha fatto Gualtieri, ben venga l’alleanza con il Pd” e aggiunge “Ci vuole una nuova Margherita accattivante e innovativa che spinga il Pd lontano dai qualunquisti, come quella di Rutelli e Marini spinse i Ds a completare il percorso dal PCI al riformismo contemporaneo”.

I nomi? Troppo presto per dirlo, ma da Forza Italia e Pd potrebbero uscire anche volti importanti. I tempi? “Diciamo che il prossimo anno la Pasqua cade tardi, ad aprile, per allora il gruppo parlamentare sarà nel pieno delle sue funzioni”, prevede chi sta lavorando al nuovo terzo polo.

Ti potrebbe interessare
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Ti potrebbe interessare
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste