Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Letta: “Calenda farà da magnete per i voti di centrodestra. La sinistra siamo noi”

Immagine di copertina
Credit: ANSA/GIUSEPPE LAMI

Letta: “Calenda farà da magnete per i voti di centrodestra. La sinistra siamo noi”

“Calenda saprà fare da magnete per i voti di centrodestra”. Dopo l’accordo raggiunto ieri tra il leader di Azione ed Enrico Letta “la partita è aperta”, secondo il segretario del Partito democratico, che in un’intervista a Il Corriere della Sera si è detto “molto” soddisfatto dell’intesa, quasi insperata alla vigilia. “Le cose complicate, alla fine, danno più gioia”, ha detto Letta, sottolineando che “l’obiettivo era difficile”.

L’ex presidente del Consiglio ha anche spiegato la decisione di riconoscere ad Azione/+Europa il 30 percento dei collegi uninominali rimasti dopo i collegi attribuiti alle altre liste. “Se fossimo usciti senza un’intesa avremmo trasmesso il messaggio dei perdenti in partenza, per via della legge elettorale che obbliga ad aggregarsi. Gli altri, di là, tutti insieme e noi tutti divisi. No. Sarebbe stato un disastro e la dinamica della campagna sarebbe partita in avvitamento”, ha detto Letta, che ha riconosciuto di aver fatto una concessione all’alleato. “Certo, in numeri precisi sarebbe stato 76 a 24, ma preferisco puntare a conquistarne tanti di seggi piuttosto che distribuire tra i miei tanti collegi perdenti”.

Secondo Letta, il “punto vero” dell’accordo raggiunto ieri è comunque “il paragone con i tempi rapidi per il patto” fatto dal centrodestra, fatto “in 48 ore”. “La chiamano intesa, ma è stata una resa”, ha detto Letta, tornando ad accusare Lega e Forza Italia di essersi schiacciati sulle posizioni di Fratelli d’Italia. “Quando Salvini ha deciso che non correva da premier ma da ministro dell’Interno di Meloni, è finita lì: per arrendersi basta un minuto. Bandiera bianca di Salvini e Berlusconi”.

Riguardo un possibile sbilanciamento a destra dell’alleanza, Letta ha sottolineato che “la sinistra siamo noi”. “Calenda saprà fare da magnete per i voti di centrodestra. Così come noi, con la nostra lista, assieme a Roberto Speranza, avremo un grande successo nell’elettorato di sinistra e di centrosinistra”, ha detto.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Proporrò un cambiamento radicale per l’Unione europea”
Politica / Luciano Canfora rinviato a giudizio per diffamazione verso Meloni
Politica / Giustizia sociale e ambientale: dialogo tra il cardinale Zuppi e Fabrizio Barca
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Proporrò un cambiamento radicale per l’Unione europea”
Politica / Luciano Canfora rinviato a giudizio per diffamazione verso Meloni
Politica / Giustizia sociale e ambientale: dialogo tra il cardinale Zuppi e Fabrizio Barca
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)