Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 11:26
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Letta: “Leader di Italia, Spagna, Germania, Francia e Polonia insieme a Kiev per un’iniziativa europea”

Immagine di copertina
Credits: ANSA

Enrico Letta ha proposto che i leader di Italia, Germania, Francia e Spagna si rechino insieme a Kiev per dare un segnale agli ucraini. “Insisto molto perché i primi ministri dei cinque grandi Paesi europei, Germania, Italia, Francia, Spagna e Polonia, insieme vadano a Kiev e insieme siano in grado di prendere un’iniziativa europea ed europeista dando il segno agli ucraini di una vicinanza molto forte”, ha detto nel corso della presentazione del libro di Alan Friedman “il prezzo del futuro” a Roma. L’obiettivo del segretario dem è quello di affermare il ruolo dell’Europa nella partita geopolitica davanti agli ucraini, per evitare che un giorno “dicano di preferire gli americani e gli inglesi a noi europei”. “Per volere la pace c’è bisogno che gli ucraini siano aiutati e c’è bisogno dell’unità dell’Europa”, ha detto Enrico Letta.

Commentando l’intervista rilasciata da Sergei Lavrov al programma Zona Bianca di Rete 4, in cui il ministro degli Esteri russo ha accusato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky di avere organizzato un “genocidio”, aggiungendo che “anche Hitler aveva origini ebree”, Letta aveva dichiarato nel corso di un incontro a Padova: “Tutta l’Europa non parla altro che di un Paese, che non è un piccolo paese ma un grande Paese europeo, che non può permettersi di avere una grande tv nazionale che trasmette uno spot di propaganda intollerabile, insopportabile contro un Paese bombardato con frasi ignobili su Hitler e gli ebrei. Trovo sia un’onta insopportabile e quella roba non ci rappresenta, e non c’entra niente con l’Italia che sta chiaramente dalla parte degli aggrediti e non dalla parte di un popolo aggressore che sta commettendo crimini di guerra”.

Ti potrebbe interessare
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Ti potrebbe interessare
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes
Politica / Copisteria Montecitorio: salasso a sei zeri in atti parlamentari
Politica / Scontro tra Salvini e Gelmini sulle critiche a Berlusconi
Cronaca / Giorgio Napolitano operato a Roma
Politica / Berlusconi: “L’Europa convinca Kiev ad accettare le richieste di Putin”
Politica / Pnrr, l’agenda degli incontri di Cingolani con i lobbisti scompare dal sito: “Serve più trasparenza”
Politica / “I partiti non fanno più politica”: la storica intervista di Berlinguer a Scalfari sulla Questione Morale
Politica / “Vestito inappropriato”: cronista allontanata da Montecitorio. Poi le scuse: “È stato un errore”