Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Giuseppe Conte difende il Reddito di cittadinanza: “Lo smantellano per colpire i più deboli”

Immagine di copertina

Giuseppe Conte difende il Reddito di cittadinanza: “Lo smantellano per colpire i più deboli”

“L’ossessione di Giorgia Meloni è smantellare il reddito di cittadinanza”. Giuseppe Conte torna a difendere la misura simbolo del suo primo governo dagli assalti del centrodestra, che ha promesso a più riprese una stretta al sussidio ricevuto da più di un milione di famiglie.

In un intervento pubblicato su La Repubblica, il leader del Movimento 5 stelle accusa la maggioranza guidata da Giorgia Meloni di trattare come “agnelli sacrificali” i cosiddetti “occupabili”, a cui il governo intende tagliare il sostegno.

Una “lettura distorta” della crisi quella offerta secondo Conte dal governo Meloni, che “dimostra di avere letto la nostra Costituzione al contrario: regala un biglietto in prima classe a evasori e corrotti che vogliono girare con mazzette di contanti, mentre lascia al proprio destino chi è in grande difficoltà economica e sociale”.

Secondo l’ex presidente del Consiglio, quella degli “occupabili” è “una formula dietro la quale la destra prova a dipingere un universo sociale composto da giovani scansafatiche, che fanno di tutto per evitare di lavorare e restare sul divano a incassare l’assegno”. In realtà, evidenzia Conte, gli occupabili sono 660mila persone “con storie ben complesse”.

“Tra loro ci sono 200 mila persone che il ‘divano’ non lo hanno mai visto, perché lavorano ma devono chiedere il reddito di cittadinanza per integrare stipendi da fame. Un mondo di donne e uomini che hanno lavori precari e sottopagati. Sono persone che lavorano in settori dove, in assenza di un salario minimo – che la Meloni considera uno ‘specchietto per le allodole’ – si tira avanti con stipendi da 4 o 5 euro l’ora. Per tutte queste persone il reddito di cittadinanza è una questione vitale e segna la differenza tra fare la spesa o no”.

Secondo Conte, “anche tra chi non lavora, ma rimane teoricamente ‘occupabile’, ci sono casi disperati”. Si tratta di persone “che pur non essendo invalide e non rientrando nelle rigide tabelle di riferimento per ricevere una pensione di invalidità dall’Inps, hanno però problemi psico-fisici e per questo rimangono ai margini del mercato del lavoro”.  “Il 70,8% degli ‘occupabili’”, continua il presidente del M5s, “ha come titolo di studio al massimo la terza media”, individui che “come è noto, partono già da una condizione di evidente svantaggio che li porta ad incontrare notevoli difficoltà nel rientrare nel mondo del lavoro”.

“Il Reddito di cittadinanza non è stato pensato come strumento per favorire un mero assistenzialismo. È stato pensato per promuovere una stagione di libertà e dignità del lavoro, come impone la nostra Costituzione”, spiega Conte, secondo cui “aggredire oggi gli “occupabili”, trattandoli come agnelli sacrificali, significa non comprendere che sono proprio loro le persone che invece dovremmo aiutare”. “Con il Reddito di cittadinanza abbiamo reso i cittadini più liberi dal ricatto del lavoro nero e sottopagato e della manovalanza su cui prosperano le organizzazioni criminali”, sottolinea l’ex premier, respingendo le accuse di “voto di scambio” rivolte in campagna elettorale. “In realtà, è proprio il contrario”.

Nonostante le differenze, il leader pentastellato si dice disponibile “a lavorare insieme al governo” per misure che accompagnino al lavoro “attraverso percorsi di inclusione più forti, con incentivi alle aziende per assumere”. “Se invece il governo volesse far ripiombare il Paese nel passato, siamo pronti a mobilitare il M5S assieme alle forze sociali, politiche, civiche che vogliono sposare la nostra battaglia non solo nelle sedi istituzionali, ma anche in ogni piazza e angolo del nostro Paese”.

Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna