Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:57
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

FI, Marta Fascina: “Berlusconi ha avuto il merito di porre fine alla Guerra Fredda”

Immagine di copertina

FI, Marta Fascina: “Berlusconi ha avuto il merito di porre fine alla Guerra Fredda”

“Ha avuto il merito di porre fine alla Guerra Fredda”. Marta Fascina rompe il suo silenzio e in un’intervista a Libero difende il proprio compagno Silvio Berlusconi dalle accuse di “filoputinismo”.

“Come si può pensare che Berlusconi, figura di spicco del Ppe, capo di governo più acclamato dal congresso americano, possa voltare le spalle all’Occidente, alla Nato, all’Unione Europea”, ha detto la deputata di Forza Italia, tornando su un episodio spesso citato dal Cavaliere, l’incontro del 2002 a Pratica di Mare con George Bush e Vladimir Putin. “Il nostro presidente ha avuto il merito di porre fine alla Guerra fredda con gli accordi di Pratica di Mare, vero e ineguagliabile miracolo di politica estera”, il giudizio di Fascina sul vertice tenuto 11 anni dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

Secondo la parlamentare, il tentativo di Berlusconi “straordinario per quanto non riuscito fino in fondo a causa di errori di altri” sarebbe stato quello di “avvicinare, attraverso Putin, la Federazione Russa al mondo occidentale, sottraendola alla egemonia neoimperialista della Cina comunista”.

Nell’intervista, Fascina non ha risparmiato critiche ai big come Mara Carfagna, Mariastella Gelmini e Renato Brunetta fuoriusciti da Forza Italia dopo la caduta del governo Draghi. “Hanno per anni ricevuto prebende e incarichi apicali nel partito e nelle istituzioni grazie al presidente Berlusconi e ciononostante, oltre all’incoerenza e al tradimento del patto elettorale, hanno manifestato una grave irriconoscenza umana e politica nei confronti di chi li ha politicamente creati”, ha detto.

La compagna di Berlusconi ha anche difeso il suo partito dalle accuse di aver precipitato la fine del governo, dopo il passo indietro del Movimento 5 stelle. “Il nostro partito ha rilanciato chiedendo al premier di dar vita ad un esecutivo che potesse durare fino alla fine della legislatura, naturalmente senza i grillini che si sono dimostrati del tutto irresponsabili e inaffidabili”, ha detto. “Ma Draghi, forse dietro una suicida pressione del Pd, ha scelto di appoggiare la risoluzione Casini. Una operazione di palazzo per fortuna fallita”.

Ti potrebbe interessare
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Politica / “Caro Pd, o cambi o ti estinguerai”: viaggio nei circoli dem di Roma dopo la debacle elettorale
Ti potrebbe interessare
Politica / 3 ottobre 2013: a nove anni dal naufragio di Lampedusa l’accoglienza è ancora un’emergenza
Politica / Renzi sul Pd: “Con Schlein segretaria mezzo partito viene da noi”
Politica / “Caro Pd, o cambi o ti estinguerai”: viaggio nei circoli dem di Roma dopo la debacle elettorale
Politica / Gas, Meloni: “La priorità è fermare la speculazione”. La Farnesina convoca l’ambasciatore russo
Politica / La madre di Giorgia Meloni contro Rula Jebreal: “Si vergogni di attaccare mia figlia usando la storia del padre”
Politica / Beppe Grillo condannato per diffamazione contro un’ex parlamentare del Pd
Politica / Meloni, prima uscita pubblica dopo il voto: “L’Italia deve tornare a difendere i suoi interessi”
Politica / Ecco l’Italia di Giorgia: viaggio tra i sostenitori di Meloni
Politica / Governo, Berlusconi: "Massima comunità d’intenti nel centrodestra". Lega, lo strappo di Bossi
Politica / Bertinotti a TPI: “Il Pd deve sciogliersi. La sinistra riparta dalle ceneri. O non sarà”