Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 17:32
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Inchiesta sui fondi russi alla Lega, spunta un terzo uomo: “Sono io ‘nonno Francesco’”

Immagine di copertina
Matteo Salvini e Savoini

Si infittisce il caso Moscopoli: spunta un terzo uomo coinvolto nell’inchiesta sui fondi russi alla Lega e che rivela alle agenzie stampa di essere il “nonno Francesco” dell’audio diffuso da BuzzFeed sui presunti finanziamenti russi alla Lega.

Si chiama Francesco Vannucci e rivela di aver preso parte all’incontro al Metropol di Mosca: “Ho partecipato all’incontro all’hotel Metropol di Mosca il 18 ottobre 2018 in qualità di consulente esperto bancario che da anni collabora con l’avvocato Gianluca Meranda. Lo scopo dell’incontro era prettamente professionale e si è svolto nel rispetto dei canoni della deontologia commerciale. Non ci sono state situazioni diverse rispetto a quelle previste dalle normative che disciplinano i rapporti d’affari”.

“Sono profondamente dispiaciuto di essere indicato in modo a volte ironico, a volte opaco, con lo pseudonimo di ‘nonno Francesco’. Confido nella serietà della magistratura italiana nel capire le chiare dinamiche di questa vicenda”, ha detto ancora Vannucci.

L’identità di Vannucci è stata confermata proprio dall’avvocato Meranda. Il 62enne ha svelato la sua identità inviando un messaggio WhatsApp all’agenzia Ansa per spiegare di essere il “nonno Francesco” delle conversazioni con Gianluca Meranda e a Gianluca Savoini.

Vannucci risponde così all’inchiesta della procura di Milano per corruzione internazionale nella quale l’unico indagato è Savoini, ex portavoce di Matteo Salvini e presidente dell’associazione Lombardia-Russia.

Al centro dell’inchiesta ci sarebbero dei colloqui segreti intrattenuti da uno stretto collaboratore del vicepremier leghista per trasferire denaro russo proveniente dalle vendite del petrolio nelle casse della Lega. A diffondere la notizia è stato il sito britannico BuzzFeed, che pubblica le registrazioni dell’incontro tenutosi lo scorso 18 ottobre, quando sei uomini attorno a un tavolo dell’Hotel Metropol di Mosca discutevano dei piani per la “grande alleanza”. Uno dei sei era Gianluca Savoini, un altro l’avvocato Gianluca Meranda. Il terzo dei sei era nonno Francesco: il Francesco Vannucci che esce allo scoperto oggi e rivela di aver preso parte all’incontro al centro della maxi inchiesta internazionale.

Ti potrebbe interessare
Politica / Anticipazione TPI: Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Ti potrebbe interessare
Politica / Anticipazione TPI: Antonio Di Pietro torna in campo con l’Italia dei Valori. E pensa anche a Roma
Opinioni / Il più grande spettacolo dopo il Big Bang. Sui vaccini cambiano idea ogni giorno e non si capisce nulla
Politica / Il Financial Times lo critica e Draghi corre ai ripari: la figuraccia italiana sul mix di vaccini
Opinioni / Calenda, Renzi e la vile tattica degli attacchi (personali) a Bettini
Politica / Calabria: Pd, M5S e Leu candidano Maria Ventura, l’imprenditrice attivista Unicef
Politica / Amici, parenti e sconfitti delle regionali: così in Calabria si spartiscono le poltrone per gli enti pubblici
Politica / Eurodeputata Pd minacciata dagli antiabortisti con un feto di plastica: “Schiaffo a tutte le donne “
Politica / Sindacalista morto, Draghi: "Addolorato, si faccia luce"
Politica / Marino a TPI: “Il Pd ha offeso Roma mandandomi via. Anche Gualtieri doveva chiedere scusa”
Politica / Lettera a TPI: “Conte non rispecchia la base del M5S”