Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 12:57
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Elezioni Friuli Venezia Giulia 2018 | Chi è Sergio Cecotti, candidato de Il Patto per l’Autonomia

Immagine di copertina

TPI ha intervistato Sergio Cecotti, candidato de Il Patto per l'Autonomia alla presidenza del Friuli Venezia Giulia

Elezioni Friuli Venezia Giulia 2018 | Chi è Sergio Cecotti, candidato per Il Patto per l’Autonomia

Sergio Cecotti è il candidato governatore de Il Patto per l’Autonomia alle elezioni regionali del Friuli Venezia Giulia.

Nato a Udine, ha 61 anni e in passato ha ricoperto diverse cariche amministrative come esponente della Lega Nord.

È già stato presidente della regione dal 5 settembre 1995 al 28 aprile 1996 con l’appoggio del centrosinistra.

Successivamente, è stato sindaco di Udine dal 1998 al 2008, prima alla guida di una giunta leghista appoggiata da due liste civiche, poi con una coalizione civica appoggiata dal centrosinistra.

La rottura con la Lega Nord si è consumata nel 2003 in polemica con le imposizioni romane della Casa delle Libertà.

Anche in Friuli Venezia Giulia si fa sentire il problema della disoccupazione giovanile. Cosa si può fare in merito?

Nella nostra regione c’è una fortissima emigrazione giovanile, il doppio della media italiana in percentuale.

Questo è dovuto al fatto che i giovani non vedono una prospettiva per il loro futuro.

Noi immaginiamo che la regione, dopo molti anni di inattività, debba dotarsi di un modello di sviluppo basato su innovazione e industria 4.0, che le permetterebbero di rilanciarsi.

Dobbiamo introdurre nuovi posti di lavoro e nuove imprese e attuare anche uno sviluppo di natura diversa da quello che abbiamo conosciuto in questi anni, che è stato anche molto limitato.

In Friuli Venezia Giulia ci sono molte potenzialità che non vengono sfruttate. Perché? E cosa si può fare in merito?

Non sono sfruttate perché non sono messe a sistema. La regione, in anni passati, aveva svolto la funzione di regia del sistema territoriale e aveva coordinato l’insieme di tutte le energie della società per realizzare uno sviluppo che effettivamente c’era stato in anni lontani.

Negli ultimi dieci anni la regione ha abdicato a questa sua funzione, lasciando la società senza una guida. A parte qualche eccellenza che si è sviluppata da sola in modo spontaneo.

Non c’è stato un sistema che è riuscito a stare dentro ai processi globali da protagonisti e questo non ha portato a un risultato positivo.

Come valuta la gestione da parte della Serracchiani (Pd)?

La valuto molto male. La reputo negativa sopratutto riguardo tre temi: sanità, riforma degli enti locali e rinuncia di molte risorse che lo Stato avrebbe dovuto dare alla nostra regione.

Con la gestione della Serracchiani, la qualità della sanità in regione è precipitata.

La riforma degli enti locali è fallita completamente e la rinuncia di quelle risorse ha impoverito la nostra terra.

Secondo lei come andrebbe gestita la questione della Ferriera?

L’area calda della Ferriera deve essere necessariamente chiusa. Non credo ci siano alternative e nessuno ha proposto alterative sensate.

A questo punto reputo non resti altro che chiuderla.

Lei come gestirebbe la distribuzione dei migranti sul Friuli Venezia Giulia?

La gestione dei migranti appartiene allo Stato.

Se lo Stato è irresponsabile come in questi cinque anni, nessuno può fare molto.

Se fossi io il presidente del Friuli Venezia Giulia, difenderei gli interessi degli abitanti di questa regione, anche nei confronti dello Stato.

Inoltre non permetterei allo Stato di fare quello che ha fatto negli ultimi cinque anni, cioè scaricare su questo territorio i problemi dovuti all’inefficienza e all’incapacità dello Stato di controllare i confini.

Come valuta le relazioni con l’Austria e la Slovenia?

Sono storicamente buone. Si tratta di relazioni basate sulla condivisione di molti aspetti e di collaborazione.

Certamente questi rapporti vanno rafforzati.

Noi, in particolare, abbiamo cattivi collegamenti ferroviari con la Slovenia e dobbiamo porvi rimedio, perché non è pensabile che non si possa andare a Lubiana con il treno.

Su queste elezioni regionali in Friuli Venezia Giulia ci sono molte aspettative anche a livello nazionale. Cosa ne pensa?

Penso che elezioni regionali dovrebbero servire a scegliere un progetto di futuro per questa regione e una squadra che possa attuarlo.

Invece le elezioni vengono sfruttate per rafforzare questo o quel leader nel gioco della partita romana.

Questo non ci sta bene, perché ci sentiamo usati per interessi di altri.

Ti potrebbe interessare
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Ti potrebbe interessare
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Ballottaggio Roma, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali
Politica / Chi è Stefano Lo Russo, il nuovo sindaco di Torino
Politica / Berlusconi attacca i no vax: “Eroe è chi blocca un treno per Auschwitz, non un porto per il green pass”
Politica / Ballottaggi: il centrosinistra vince a Roma e Torino. Letta: "È un trionfo", Salvini minimizza. Il centrodestra conquista Trieste
Cronaca / Alla chiusura dei seggi ieri aveva votato solo il 33,32% degli aventi diritto
Politica / Il grande flop del Partito Gay: alle amministrative percentuali da prefisso telefonico
Politica / E così Draghi si fa il suo sondaggio: anche SuperMario alla ricerca del consenso