Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:53
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Conte a TPI: “Non escludo un dialogo col Pd se abbandona l’agenda Draghi”

Immagine di copertina

Nel colloquio con il direttore di Tpi Giulio Gambino, il leader del M5S Giuseppe Conte ha affermato di non escludere del tutto la riapertura di un dialogo con il Pd ma chiarito che in questa fase non vi sono le premesse per ricostituire l’alleanza sfumata con la fine del governo Draghi. “Un dialogo col Pd non lo escludiamo. Ci saranno le premesse solo se il Pd vorrà schierarsi convintamente a favore dei più deboli, del lavoro, dei più giovani, delle donne” ha affermato Conte, chiarendo che al momento “non esistono le condizioni” per un ripensamento sull’alleanza giallo-rossa in vista della campagna elettorale.

In seguito fonti grilline hanno precisato che la risposta di Conte “non è in alcun modo da intendersi come una riapertura alla possibilità di una alleanza col Pd in questa campagna elettorale. Conte ha voluto semplicemente chiarire che in prospettiva futura ci potranno essere le premesse per un dialogo solo se il Pd abbandonerà l’agenda Draghi e sposerà un’agenda autenticamente sociale ed ecologica”, riporta l’Adnkronos.

Giuseppe Conte a TPI: “Il Pd stava con noi solo per convenienza. Meglio soli che male accompagnati”

Nell’intervista – disponibile in versione cartacea sul settimanale di Tpi in tutte le edicole a partire da venerdì 29 luglio – l’ex premier ha affermato di considerare quella del voto utile da consegnare alla coalizione con più possibilità di battere Meloni “una mistificazione” e ribadito la novità del suo “terzo polo” alternativo alla destra ma anche alla cosiddetta agenda Draghi sposta dai dem e dalle altre forze centriste. “Gli elettori devono dare un voto giusto. E lo devono dare a chi dà la maggiore garanzia di mantenere gli impegni assunti durante la campagna elettorale. Quello che io posso garantire è che il voto al M5s non andrà sprecato queste condizioni. Perché è un voto che mirerà a contrastare il consolidamento di quelle oligarchie politiche ed economiche che hanno impedito lo sviluppo sociale del nostro Paese“, ha dichiarato Conte.

Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Ti potrebbe interessare
Politica / Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”
Politica / Calenda ora cita Kennedy e twitta in inglese: “Un uomo fa quel che deve”
Politica / Contatti tra Di Maio e il partito animalista italiano per allargare la base elettorale di Impegno Civico
Politica / M5S, Rocco Casalino non si candiderà alle prossime elezioni
Politica / Morgan: “Sono anarchico, non fascista. Ho scritto alla Meloni perché non è snob”
Politica / Jova Beach Party, Salvini difende Jovanotti: “Va premiato, polemiche pseudo-ambientaliste”
Politica / Elezioni, l’ex procuratore antimafia De Raho tra i candidati sul tavolo di Conte
Politica / Renzi spera nel Terzo Polo ed è pronto a cedere il ruolo di leader a Calenda
Politica / Giorgia Meloni: “Morgan? Ogni tanto ci sentiamo, ma non sta scrivendo il programma di Fratelli d’Italia”
Politica / Tommaso Zorzi attacca Salvini: “Un idiota”. La replica del leghista: “Agli insulti rispondo con le idee”