Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 09:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Elezioni, Carlo Calenda chiude a Luigi Di Maio: “Non so di chi si parla, non mi risulta”

Immagine di copertina

Elezioni, Carlo Calenda chiude a Luigi Di Maio: “Non so di chi si parla, non mi risulta”

“Non so di chi lei stia parlando, non mi risulta”. A due mesi esatti dal voto anticipato, Carlo Calenda chiude la porta a qualsiasi alleanza con Luigi Di Maio, aprendo invece al Partito democratico. “Ad Enrico Letta gli vogliamo bene, é una persona seria e siamo disponibili a discutere con tutti sulle cose da fare”, ha detto Calenda, presentando il programma del “Patto repubblicano” tra la sua Azione e i radicali di +Europa. “Per noi chi non ha sufficienti esperienze nel pubblico o nel privato non potrà fare il ministro, perché abbiamo visto degli incompetenti fare disastri”, ha aggiunto.

Il leader di Azione, a cui era stato chiesto se la presenza di Luigi Di Maio possa essere un problema in una eventuale alleanza alle prossime elezioni, ha anche ribadito l’incompatibilità tra il suo partito e il Movimento 5 stelle. “Azione è nata con l’obiettivo di cancellare politicamente i 5 stelle, quindi no a chi ha fatto cadere Draghi e non condivide questo programma”, ha sottolineato Calenda, che non ha risparmiato attacchi a Forza Italia. Secondo l’ex ministro, il partito fondato da Silvio Berlusconi è entrato a pieno titolo “nell’area populista, sovranista, anti-europea e anti atlantica. Non è un caso che Draghi sia stato fatto cadere da tutti partiti in qualche modo filo-putiniani”, ha detto Calenda, accusando il Cavaliere di aver fatto “una cosa folle“, con il ritiro del sostegno al governo da parte di Forza Italia e Lega.

Risposta pronta anche alle accuse della senatrice di Forza Italia Licia Ronzulli, secondo la quale Maria Stella Gelmini ”trattava da 3 mesi con Calenda”, prima dell’uscita da Forza Italia annunciata la settimana scorsa. “Cara Licia Ronzulli, questa è una beata idiozia”, ha replicato il leader centrista, che ha augurato “buona vita” alla senatrice “come ruota di scorta di Salvini che fa la ruota di scorta della Meloni. Mandate Tajani a spiegarlo in Europa, dove tuona regolarmente contro i sovranisti”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Ti potrebbe interessare
Politica / Salvini: "Crisanti candidato con il Pd? Ora si capiscono tante cose"
Politica / Elezioni, il Pd approva le liste: tra i candidati anche il virologo Crisanti
Politica / M5S, pubblicata la rosa dei candidati alle parlamentarie: Conte corre nel Lazio. Appendino e Patuanelli tra i possibili “blindati”
Politica / Il sondaggio che fa tremare il Pd: centrodestra avanti di 15 punti
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare