Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:59
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Retroscena TPI – Draghi irritato con Conte: c’è l’ex premier dietro le resistenze M5S sulla giustizia

Immagine di copertina
Giuseppe Conte e Mario Draghi

Non è stata una per niente una mattinata tranquilla per Mario Draghi e il suo staff (al di là del rapporto sempre più “freddo” con uno dei suoi più stretti collaboratori, ma questo è un altro discorso). Il barometro segna brutto tempo su Palazzo Chigi e c’è ancora grande insoddisfazione per come sono andate le cose nel Consiglio dei ministri di ieri sera.

Nelle intenzioni del premier avrebbe dovuto essere il primo grande momento di “consacrazione” per mostrare all’Europa che l’Italia è pronta a fare le riforme “senza se e senza ma” e invece c’è chi si è messo ostinatamente di traverso.

Non tutti lo sanno ma sulla questione giustizia Mario Draghi si è impegnato personalmente con i principali partner europei e ha promesso loro che si andrà fino in fondo, costi quel che costi. Ci ha messo la faccia con gli ambienti internazionali che contano, non bazzecole. E se c’è una cosa che al premier proprio non piace è perdere la faccia in Europa.

Per Draghi deve essere proprio la riforma della giustizia la cartina di tornasole del cambiamento italiano, per mostrare il cambio di passo dell’Italia nei confronti dei partner comunitari.

C’è poi il tema del suo rapporto con Giuseppe Conte: checché ne dica quest’ultimo, tra i due non c’è feeling (eufemismo) e – anche se nelle conferenze stampa l’ex presidente del Consiglio è sempre prodigo di elogi nei confronti dell’ex presidente Bce – Mario Draghi sa benissimo che tra i due non ci potrà mai essere niente più che un rapporto da “buongiorno e buonasera”.

Per questo ieri il premier in Consiglio dei ministri non ha preso affatto bene la presa di posizione grillina: sapeva benissimo da che parte dei Cinque Stelle proveniva (vale a dire quella contiana). E nessuno adesso può prevedere come finirà quando il provvedimento arriverà in aula.

“Per adesso l’ala oltranzista dei grillini è stata messa in condizioni di non nuocere ma può sempre rialzare la testa”, sospirano a Palazzo Chigi. Se qualcuno farà sgambetti, però, Draghi ha già pronta la “atomica” e non si esclude più nessuna contromisura nei confronti dei grillini, compresa quella di minacciare il “rompete le righe”.

Come a dire che, se in Parlamento qualcuno comincerà a fare “giochetti” per logorare il governo, il presidente del Consiglio potrebbe persino arrivare ad agitare lo spettro della crisi, decretando il game over e mandando tutti a casa. Ben sapendo, però, che i Cinque Stelle non potranno mai spingersi a tanto perché rischierebbero di perdere il seggio ad un anno e più dalla scadenza naturale della legislatura. E a Palazzo Chigi sanno benissimo che è questo il vero punto debole di tutta la strategia contiana.

Ti potrebbe interessare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Ti potrebbe interessare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà
Politica / Il centrodestra punta a una vittoria netta alle elezioni per prendersi anche il Quirinale
Politica / Zaia: "L’omosessualità non è una malattia, l’omofobia sì. Basta tabù sui diritti"
Politica / Elezioni, Adinolfi a Tpi: “Letta e Meloni sono come Sandra e Raimondo, litigano ma sono uguali”
Politica / L’aspirante candidata leghista alle politiche: “Le donne di sinistra? Scorbutiche, aggressive e acide”
Politica / Liliana Segre a Giorgia Meloni: “Tolga la fiamma dal simbolo del suo partito”
Politica / Di Maio: “Gli steward dello stadio San Paolo sono i miei eroi”