Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 04:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Dl Aiuti, M5S verso l’astensione. Ma Draghi minaccia di salire al Colle

Immagine di copertina

All’alba di una nuova settimana, si rincorrono le ipotesi e i ragionamenti che ruotano attorno al decreto Aiuti. Oggi la Camera dovrebbe approvare definitivamente il provvedimento, dopo il sì alla fiducia votato giovedì a Montecitorio. Mentre per domani, martedì 12 luglio, è previsto il secondo tempo al Senato dove i voti sono unificati. Ed è proprio a Palazzo Madama che si prospetta l’uscita dall’Aula del Movimento 5 Stelle, ipotesi che circola giorni e che non ha escluso il ministro dell’agricoltura Stefano Patuanelli parlando con Repubblica.

L’astensione del M5s sul dl Aiuti – che comprende l’inceneritore di Roma, il reddito di cittadinanza e la responsabilità solidale sul Superbonus – non metterebbe, comunque, a rischio il governo nei numeri sicuri per la maggioranza. La questione sarebbe, quindi, politica. Ma questo aprirebbe la strada verso lo strappo, oltre che alla crisi che potrebbe portare il premier Mario Draghi davanti al presidente della Repubblica Sergio Mattarella per un confronto. Nel frattempo, il leader dei 5 stelle, Giuseppe Conte, invita alla calma. Dal Movimento è attesa, infatti, una risposta di Draghi sulle nove richieste presentate dall’ex premier la settimana scorsa. Presumono possa arrivare tra oggi e domani, seppur non sia previsto un faccia a faccia. Il confronto dovrebbe, quindi, avvenire con una telefonata.

Tutto, comunque, può ancora accadere. E alcuni del M5S, almeno una decina, potrebbero votare sì. Si capirà, quindi, chi deciderà di seguire la linea di Conte. Intanto, mercoledì è prevista l’assemblea dei senatori grillini.

 

Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Ti potrebbe interessare
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro
Politica / Due lauree, quattro lingue, il padre malato, il passato da manager: chi è Alessandra Todde, prima donna alla guida della Sardegna