Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:16
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Di Maio: “Se Conte ha litigato con tutti forse il problema è proprio lui. Il suo partito è di estrema sinistra”

Immagine di copertina
“Sono andato via dal M5S per salvare la politica estera. Quando Conte ha proposto una risoluzione contro l’invio di armi in Ucraina ha ricevuto l’endorsement dell’ambasciatore russo a Roma”, così Luigi Di Maio in un’intervista al programma “L’Aria che Tira” in onda su La7.

L’ex capo politico del M5S è pronto a candidarsi alle prossime elezioni insieme a coloro che, dice Di Maio, vogliono “ricostruire il centro” alternativo al partito di Conte, diventato secondo il ministro degli Esteri “di estrema sinistra” e a Meloni e Salvini, che all’opposto hanno una proposta di estrema destra in cui Silvio Berlusconi ha poca voce in capitolo.

Alle parole di Calenda, che a margine della presentazione del programma elettorale di Azione e Più Europa ha dichiarato di “non sapere chi è” Di Maio, l’ex grillino ha replicato che manca ancora tanto alle presentazioni delle liste elettorali e che i partiti potrebbero cambiare idea sulla base della condivisione di un programma simile, quello che segue le linee tracciate da Draghi. “Li vedo tutti un po’ nervosi”, ha detto di coloro che lo attaccano. Tra questi anche il garante del M5S Beppe Grillo, che lo ha soprannominato “cartelletta” che cerca una nuova collocazione, forse alla Nato.

“Conte è Salvini insieme per paura di perdere voti hanno staccato la spina al governo e ci stanno regalando un’estate di instabilità”, ha dichiarato ancora Di Maio nel corso dell’intervista. “Si sono connotati per irresponsabilità. Con me il M5S aveva creato due governi, senza è diventato un partito che ha sfasciato un governo. Se Conte ha litigato con tutti, da Renzi durante il Conte II a Draghi, forse il problema è proprio lui”, ha aggiunto Di Maio.

Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, il capo gabinetto di Gualtieri si dimette dopo la diffusione di un video shock
Politica / Giorgia Meloni: “Orgogliosi della fiamma, se fossi fascista lo direi”
Politica / Il M5S pubblica la lista dei candidati: Conte capolista in 4 regioni per la Camera
Ti potrebbe interessare
Politica / Roma, il capo gabinetto di Gualtieri si dimette dopo la diffusione di un video shock
Politica / Giorgia Meloni: “Orgogliosi della fiamma, se fossi fascista lo direi”
Politica / Il M5S pubblica la lista dei candidati: Conte capolista in 4 regioni per la Camera
Politica / La peggior legge elettorale di sempre? Ecco perché il Rosatellum allontana i cittadini dalla politica
Politica / Stanlio & Broglio: ecco cosa c’è dietro il matrimonio d’interessi fra Calenda e Renzi
Politica / Crosetto a TPI: “La nostra fiamma è Giorgia Meloni, con lei Fdi arriverà al 30%. Io premier? Mai”
Politica / Covid, Renzi attacca Letta: "Noi con Draghi e Figluolo, tu con Arcuri e i russi"
Politica / Morto Niccolò Ghedini, senatore e avvocato storico di Silvio Berlusconi
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione