Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 13:14
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Politica

Danno del “fascista” a Salvini: denunciate due ragazze

Immagine di copertina
Credit: Miguel MEDINA / AFP

Due ragazze sono state denunciate per aver definito il ministro dell’Interno Matteo Salvini un “fascista” in occasione di un comizio tenuto a Torino il 27 aprile dal leader della Lega per sostenere i candidato centrodestra alle regionali, Alberto Cirio.

Il ministro durante il suo discorso aveva rivolto i suoi ringraziamenti alle forze dell’ordine “che soprattutto a Torino devono tenere a bada quei deficienti dei centri sociali, la cui utilità sociale è pari a zero”.

A quel punto due ragazze vicine al centro sociale Askatasuna si sarebbero rivolte al ministro dell’Interno urlando: “Sei un fascista”.

“Ti voglio bene, sorella mia”, era stata la risposta del leader leghista. “Un bacione, pane e Nutella a quelli che vedono fascisti dove non ci sono fascisti. Avete rotto le scatole”.

“Che tristezza, nel 2019 ancora con la falce e il martello”, ha poi continuato il ministro. “Però mi piacerebbe ci fosse un po’ più di rispetto”.

A seguito di questo episodio, la Digos ha avvitato le indagini e ha identificato le due ragazze, che sono state denunciate per vilipendio a istituzioni e cariche dello Stato.

“Un pallone gonfiato”, è il commento rilasciato dal Centro sociale Askatasuna di Torino sulla pagina Facebook.

Un utente rassicura scrivendo che in precedenza la Cassazione aveva stabilito che “dare del fascista a Salvini non è reato”.

“Lo sappiamo, e lo sa anche la Digos, ma comunque quando si tratta di Akatasuna la polizia denuncia sempre e comunque. Per loro è gratis, per noi che siamo tutti lavoratori precari è tempo perso, soldi da spendere per gli avvocati etc. è quello che chiamano lo ‘stato di diritto’ (il loro)”.

Roma, pronti 22 sgomberi urgenti: nel mirino i centri sociali

Ti potrebbe interessare
Politica / Aumenti bollette, Draghi annuncia nuovi provvedimenti per tutelare le fasce deboli
Politica / Grillo difende il reddito di cittadinanza: “Una delle riforme sociali più importanti della storia”
Cronaca / Bilancio, governo approva documento programmatico: addio a Quota 100, più controlli sul Reddito di cittadinanza
Ti potrebbe interessare
Politica / Aumenti bollette, Draghi annuncia nuovi provvedimenti per tutelare le fasce deboli
Politica / Grillo difende il reddito di cittadinanza: “Una delle riforme sociali più importanti della storia”
Cronaca / Bilancio, governo approva documento programmatico: addio a Quota 100, più controlli sul Reddito di cittadinanza
Politica / Camera, il ritorno di Enrico Letta: standing ovation del Pd. “Non chiederemo il voto anticipato”
Politica / Assalto squadrista alla Cgil, Lamoregese: “Respingo accuse di strategia della tensione”
Politica / “Un amore chiamato politica”: il ministro Di Maio annuncia il suo primo libro
Politica / Michetti commenta la sconfitta a Roma con una gaffe: "L'esito del voto è laconico"
Politica / Ballottaggi, Conte: “Ha vinto l’astensione. A Roma, Torino e Trieste opposizione costruttiva del M5s”
Politica / Chi è Roberto Gualtieri, il nuovo sindaco di Roma
Politica / Ballottaggio Torino, gli exit poll: le proiezioni dei risultati delle comunali