Covid ultime 24h
casi +31.084
deceduti +199
tamponi +215.085
terapie intensive +95

Danno del “fascista” a Salvini: denunciate due ragazze

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 29 Apr. 2019 alle 20:18
0
Immagine di copertina
Credit: Miguel MEDINA / AFP

Due ragazze sono state denunciate per aver definito il ministro dell’Interno Matteo Salvini un “fascista” in occasione di un comizio tenuto a Torino il 27 aprile dal leader della Lega per sostenere i candidato centrodestra alle regionali, Alberto Cirio.

Il ministro durante il suo discorso aveva rivolto i suoi ringraziamenti alle forze dell’ordine “che soprattutto a Torino devono tenere a bada quei deficienti dei centri sociali, la cui utilità sociale è pari a zero”.

A quel punto due ragazze vicine al centro sociale Askatasuna si sarebbero rivolte al ministro dell’Interno urlando: “Sei un fascista”.

“Ti voglio bene, sorella mia”, era stata la risposta del leader leghista. “Un bacione, pane e Nutella a quelli che vedono fascisti dove non ci sono fascisti. Avete rotto le scatole”.

“Che tristezza, nel 2019 ancora con la falce e il martello”, ha poi continuato il ministro. “Però mi piacerebbe ci fosse un po’ più di rispetto”.

A seguito di questo episodio, la Digos ha avvitato le indagini e ha identificato le due ragazze, che sono state denunciate per vilipendio a istituzioni e cariche dello Stato.

“Un pallone gonfiato”, è il commento rilasciato dal Centro sociale Askatasuna di Torino sulla pagina Facebook.

Un utente rassicura scrivendo che in precedenza la Cassazione aveva stabilito che “dare del fascista a Salvini non è reato”.

“Lo sappiamo, e lo sa anche la Digos, ma comunque quando si tratta di Akatasuna la polizia denuncia sempre e comunque. Per loro è gratis, per noi che siamo tutti lavoratori precari è tempo perso, soldi da spendere per gli avvocati etc. è quello che chiamano lo ‘stato di diritto’ (il loro)”.

Roma, pronti 22 sgomberi urgenti: nel mirino i centri sociali

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.