Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 08:07
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

De Magistris a TPI: “Dialogo con il M5S? Solo se diventano più progressisti”

Come mai si continua a chiamare il Pd di sinistra? Ha fatto la buona scuola, il jobs act, ha distrutto l’articolo 18″, così il leader di Unione Popolare Luigi De Magistris a Tpi a margine della terza e ultima serata del Tpi Fest di Bologna, che ha visto tra i vari ospiti anche il leader del M5S Giuseppe Conte e il presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini. “Ormai esiste un grande centro – afferma l’ex sindaco di Napoli – in questo Draghi è stato efficace con il suo pensiero unico: il draghismo. Alla fine in politica estera se vince Meloni o Letta non cambia nulla, nei rapporti con il fossile non cambia nulla e nemmeno nel jobs act”.

Perché? “Il centro è un luogo più comodo, dove c’è il compromesso morale e ci si mette d’accordo. Ma quando parlo di sinistra penso al ripudio della guerra, alla giustizia sociale, alla sanità e all’acqua pubblica. Visto che loro hanno difficoltà e siccome la sinistra nel Paese esiste più che nei partiti, costruiamola insieme”, afferma De Magistris. Temi in comune con il programma elettorale del Movimento 5 Stelle, con cui, afferma il leader di Unione Popolare, c’è margine di dialogo dopo il voto “se diventano più progressisti”. “Con il M5S si può parlare dopo le elezioni se si va verso posizioni più progressiste: dicono acqua pubblica e non l’hanno fatta, io a Napoli l’ho fatta. Se c’è un cambiamento c’è possibilità di dialogo ma creo che il voto a Unione Popolare è necessario per dare voce a chi in questi anni anche quando ha governato Conte non è stata data”, conclude l’ex magistrato.

 

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Ti potrebbe interessare
Politica / Terzo mandato, bocciata la proposta leghista per i governatori. Si spacca la maggioranza
Politica / Cellulari in classe, Valditara: “Sconsigliato l’uso dalla scuola d’infanzia alla scuola media”
Politica / Rapporti Putin-Lega, pronta una mozione di sfiducia contro Salvini
Politica / Ponte sullo Stretto, aperta un’inchiesta sul progetto del ministro Salvini
Politica / Morte Navalny, Tajani: “Per Salvini serve chiarezza? Per me è indubbio che è stato fatto morire”
Politica / Sindaco nega cittadinanza a marocchina che vive in Italia da 21 anni: “Non sapeva rispondere a ‘Come ti chiami'”
Politica / Salvini: “Navalny? Capisco sua moglie, ma la verità la fanno medici e giudici”
Politica / Piantedosi: “Identificazione di chi deponeva fiori per Navalny? Non è un dato che comprime la libertà personale”
Politica / Sparo a Capodanno, Pozzolo accusato dal caposcorta di Delmastro: “La pistola è stata sempre in mano sua”
Opinioni / Perché non dobbiamo sottovalutare la rivolta dei trattori