Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

De Luca attacca i vertici del Pd: “Più perdono, più fanno carriera”

Immagine di copertina

De Luca attacca i vertici del Pd: “Più perdono, più fanno carriera”

“Il Pd a Roma non mi ama? Non me ne fotte niente”. Vincenzo De Luca spara a zero sui dirigenti del suo partito, che secondo il presidente della regione Campania non sono selezionati “sulla base del radicamento che si ha nel territorio”.

“Ci sono dirigenti che hanno perduto nei loro territori e fanno i dirigenti nazionali”, ha detto ieri De Luca alla festa del Pd a Napoli. “Nessuno invece ricorda che io sono il dirigente del Pd più votato d’Italia alle ultime regionali”.

“La selezione dei gruppi dirigenti avviene in negativo, più sei un pinguino, più perdi elezioni, più fai carriera”, ha spiegato l’ex sindaco di Salerno, che finisce per citare uno dei fondatori del Partito comunista in cui militava da giovane. “Questo meccanismo di selezione dei gruppi dirigenti è quello che Gramsci definiva la storia del grande uomo e del cameriere: fare il vuoto intorno per emergere e distinguersi”. “Negli altri partiti la selezione dei gruppi dirigenti è rigorosa: ti presenti, ti candidi, se vinci vinci, se perdi chi s’è visto s’è visto”, ha detto.

“Voi qui siete tutti uomini e donne del partito: ma vi ricordate una proposta chiara e comprensibile che ha fatto il partito su Sud e Lavoro? Zero. Balbettano. Stanno a Roma tra carbonare e amatriciane”, attacca ancora De Luca, che accusa il Partito democratico di essere subalterno a “ideologismi giustizialisti”. “Ma dove c… vivono questi che stanno a Roma?”

“Mi volevano fottere per portare Sergio Costa in Campania”, ha detto ancora De Luca, ricordando lo scontro con il partito sulla riconferma alla presidenza della regione, arrivata nel 2020. “Certo che ci penso”, ha detto riguardo la possibilità di correre per un terzo mandato alla guida della Campania. “Mi attaccano solo sette livorosi. E se decido, devono andare a Pompei a piedi”, ha aggiunto, dicendosi poi pessimista sul momento attraversato dall’Italia. “La situazione è nera”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Ti potrebbe interessare
Politica / Sardegna, terminato lo scrutinio: per Todde 1.600 voti di vantaggio
Opinioni / I populisti cavalcano il malessere delle persone, ma non hanno soluzioni. Ecco come fermarli (di N. Zingaretti)
Politica / L’annuncio di Meloni: “Chico Forti sarà trasferito in Italia”
Politica / Vannacci: “In tv troppi gay, cerco di orientare le mie figlie verso l’eterosessualità”
Politica / Scuola, percorsi differenziati per gli alunni stranieri: il piano di Valditara scatena le polemiche
Politica / Veronica Lario: “Miliardaria? Il Tribunale mi ha tolto tutto. Io passata da velina ingrata”
Politica / Scontri a Pisa, Piantedosi: “Le cariche fatte per garantire l’incolumità degli agenti. Corteo violava la legge”
Politica / Schlein: “Meloni si può battere, ora vogliamo l’Abruzzo”
Opinioni / Il voto in Sardegna non è solo una questione locale
Politica / L’Antifrode Ue ora indaga sulle cooperative della moglie e della suocera di Soumahoro