Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:19
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

De Falco commenta l’approvazione del taglio dei parlamentari: “Ricorda il fascismo”

Immagine di copertina

"La fretta di mettere una bandierina su questo bel risultato è molto simile a quello che ottenne il fascismo quando abolì la Camera dei Deputati e creò la Camera dei fasci e delle corporazioni"

De Falco commenta l’approvazione del taglio dei parlamentari

Il senatore del Gruppo Misto Gregorio De Falco, senatore del Gruppo Misto, in un post su Facebook paragona la “fretta” con cui l’8 ottobre è stata approvata la riforma sul taglio dei parlamentari all’abolizione della Camera dei Deputati voluta da Benito Mussolini, che portò alla creazione della Camera dei Fasci e delle corporazioni:

“La fretta di mettere una bandierina su questo bel risultato, molto simile a quello che ottenne il fascismo quando abolì la Camera dei Deputati e creò la Camera dei fasci e delle corporazioni, i cui membri (detti ‘Consiglieri’), erano nominati da Mussolini, non consente neppure di adottare gli accorgimenti ritenuti necessari dai gruppi parlamentari che sostengono la riforma, sia nei regolamenti parlamentari, sia nella rimodulazione delle circoscrizioni elettorali, sia nella proporzionale riduzione del numero dei delegati regionali che concorrono all’elezione del Capo dello Stato”, scrive.

de falco taglio parlamentari
Credits: Facebook/ Gregorio De Falco

Il senatore fuoriuscito dal Movimento Cinque Stelle teme che si “creeranno dei mostri” e che se “non saranno tempestivamente apportati almeno quei correttivi, non vi sarà alcuna possibilità di avere un Parlamento efficiente”. Secondo De Falco la riforma è un attacco “alla rappresentanza parlamentare e la democrazia”.

Gregorio De Falco è stato fino al 31 dicembre senatore del Movimento Cinque Stelle. L’ultimo giorno dell’anno del 2018 è arrivata l’espulsione. Con altri quattro parlamentari Cinquestelle, Paola Nugnes, Matteo Mantero, Elena Fattori e Virginia La Mura, si era astenuto dal voto di fiducia al decreto sicurezza, guadagnandosi il titolo di “dissidente”. Per questa ragione sono stati giudicati (e forse sanzionati) dai probiviri del M5s, il collegio chiamato a vigilare sul “rispetto del doveri degli iscritti”.

Gregorio De Falco: chi è il senatore espulso dal Movimento 5 stelle
Ti potrebbe interessare
Politica / Decreto anti rave, il governo riscrive la norma: escluse le manifestazioni
Politica / Armi all’Ucraina, il governo ritira l’emendamento ma incassa l’ok del Pd per il decreto
Politica / Pd, Elly Schlein verso la candidatura alla segreteria: “Costruiamo una nuova strada”
Ti potrebbe interessare
Politica / Decreto anti rave, il governo riscrive la norma: escluse le manifestazioni
Politica / Armi all’Ucraina, il governo ritira l’emendamento ma incassa l’ok del Pd per il decreto
Politica / Pd, Elly Schlein verso la candidatura alla segreteria: “Costruiamo una nuova strada”
Politica / Cartabianca, lite tra Orsini e Lupi in diretta tv: “Lei deve portare rispetto”
Politica / Ponte sullo stretto, Salvini: “Pericolo per gli uccelli? Non sono scemi, lo eviteranno”
Politica / Calenda vede Meloni: “Premier preparata, Fi la aiuti invece di sabotarla”. Gli azzurri: “Lui irrilevante”
Politica / Proroga al 2023 delle armi all’Ucraina, la maggioranza ritira emendamento: si procederà per decreto
Politica / Ischia, dietrofront di Pichetto: “Non ce l’avevo con i sindaci. La mia dichiarazione di ieri è stata un po’ forte”
Politica / Camera, i deputati si regalano il maxi bonus di Natale: 5.500 euro per comprare tablet, telefoni e pc
Politica / Manovra 2023, Meloni: “Pronta a fare scelte anche se costano voti”