Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 17:52
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Addio David (di Pierluigi Bersani)

Immagine di copertina

Passato in poche settimane dal Tg1 al Parlamento europeo, una strada che aveva definito da subito senza ritorno, eletto immediatamente capo della delegazione del Pd in virtù di un record di preferenze, David Sassoli mi appariva un pospaesato le prime volte che, da neo segretario del Partito democratico, salivo a Bruxelles per qualche riunione. Capitava di scambiare qualche chiacchiera, sempre facile e gradevole. Ho imparato così a conoscere la sua passionaccia per la politica, a riconoscere i suoi valori cattolico democratici più connaturati che coltivati.

Ci mise poco ad ambientarsi. Passando i mesi mi accorgevo che era diventato amico di tutti, e sapeva tutto. Il sorriso, la curiosità del giornalista, la disinvoltura delluomo di tv, erano veri punti di forza nellentrare in relazione con le persone.

E lui si appassionava a tutto. In poche settimane sapeva delle regole e regolette che fanno spesso la politica europea molto di più di quanto avessi mai imparato io. Ma quando era davanti a un bivio, David Sassoli non sbandava mai: prendeva sempre la strada che gli indicavano i suoi principi e i suoi valori di cattolico democratico, fino a sfiorare il volontarismo.

David era proprio uno di sinistra, senza complessi e senza ambiguità. Come lo sono certi cattolici democratici della sua generazione: i ragazzi di Zaccagnini, come si definiscono loro. Gente che non va in cerca del posizionamento tattico, che sa dove stare: dov’è sempre stata.

Era un nativo vero del Pd, in questo senso. E riuscì a sbrogliare la matassa della collocazione del partito nel Pse superando rigidità dogmatiche e resistenze identitarie, aiutando me e poi Guglielmo Epifani a concludere quel percorso. Con la forza dei suoi valori. E con quel sorriso.

Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Ti potrebbe interessare
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni
Politica / Processo Ruby ter: il pm di Milano chiede di condannare a 6 anni Silvio Berlusconi
Economia / Soros scrive a Draghi: “Tasse sul gas russo per punire Putin”
Politica / “Chi fa politica mette in conto la prigione”: le lettere dal carcere del giovane Berlinguer
Politica / Il discorso del 1969 che consacrò la leadership di Enrico Berlinguer
Politica / Dalla strada sbarrata per il Quirinale all’irrilevanza sulla crisi Ucraina: Draghi ha perso il whatever it takes