Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:11
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Al Csm non badano a spese: i costi crescono malgrado la crisi

Immagine di copertina
Credit: Ansa

In attesa che arrivi la tanto agognata riforma del Csm, l’organo di autogoverno della magistratura guidato dal vice presidente David Ermini non bada a spese. Almeno a leggere il bilancio preventivo 2022: dai 39,8 milioni dell’anno scorso i costi salgono a 44,4 milioni. Ad aumentare sono soprattutto le retribuzioni per i componenti del Csm, in particolare la voce relativa alla «indennità di cessazione dalla carica ai Componenti laici eletti dal Parlamento»: si prevede una spesa di 1,4 milioni che, divisa tra gli otto componenti laici che termineranno il loro mandato proprio quest’anno, fa in media 175mila euro a testa. Ma non è l’unica uscita ad aumentare.

Anche il personale nel 2022 costerà lievemente di più rispetto al 2021: da 25,4 milioni si passa a 26,8. E poi, ovviamente, ci sono beni e servizi da assicurare al Consiglio. Come ad esempio i 685mila euro previsti per la «fornitura di servizi di biglietteria e pernottamenti per i vari componenti» del Csm, più eventuali catering per eventi istituzionali; o i 120mila euro per mezzi di trasporto. Curiosi pure i 20mila euro ad hoc per la «fornitura di capi di abbigliamento al personale autista». E poi ancora pulizia dei locali e facchinaggio (480mila euro), acquisto di immobili (300mila), fino alla «realizzazione del progetto di reingegnerizzazione del sistema informativo del Csm» (2,6 milioni dai 180mila euro dello scorso anno). Alla fine anche per beni e forniture il conto cresce in totale di oltre 4 milioni. Se questo è l’inizio della riforma, non si direbbe che sia partita col piede giusto.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Ti potrebbe interessare
Politica / X Mas, motti fascisti, provocazioni: chi sono i deputati che hanno aggredito il 5S Donno
Politica / Gelo tra Meloni e Macron: baciamano e sorrisi forzati al G7
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio
Politica / Dal boom di Meloni e Decaro al flop 5 stelle: vincitori e vinti del voto di preferenza
Politica / Messaggi antisemiti, si dimette il portavoce del ministro Lollobrigida
Politica / Meloni vs Schlein: l’Italia è tornata nel bipolarismo?