Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Retroscena TPI – “Se salta Conte si va a elezioni”: il Pd e la minaccia del voto per convincere i responsabili

Immagine di copertina
L'aula del Senato. Credit: ANSA

La tenuta del premier decisiva per la maggioranza: senza Conte il M5S rischia di sfaldarsi

Responsabili cercasi. Questo il mantra dei partiti di maggioranza, ovviamente Italia Viva a parte. Pd, M5s, Leu e il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ormai hanno infatti palesato l’intenzione di non volere più Matteo Renzi come interlocutore, prediligendo i famosi “costruttori”.

Le defezioni principali verrebbero proprio dal gruppo di Italia Viva al Senato: “Nencini si starebbe muovendo davvero”, dicono fonti parlamentari a TPI. “Essere abbandonati da Nencini significherebbe spedire i nostri senatori al Misto” visto che con il simbolo del Psi si era resa possibile “la costituzione del gruppo di Iv al Senato”, affermano i renziani.

Vero è che oggi il senatore socialista Riccardo Nencini, in un’intervista a Il Messaggero, ha definito questa ipotesi una “fake news”. Da Italia Viva, comunque, rimarrebbero quantomeno stupiti “per eventuali defezioni del gruppo” ma si dicono ancora più stupiti e amareggiati “per questo appoggio incondizionato del Pd a Conte”.

Più volte, infatti, lo stesso Partito democratico ha espresso, nei mesi scorsi, malcontento per la gestione del premier. Tutti hanno riconosciuto a Renzi la bontà del voler migliorare il testo del Recovery Plan e anche il merito di aver bloccato quella “cabina di regia proposta da Conte, composta da centinaia di tecnici”.

Ora da capire “è quanto il Pd faccia sul serio nello scaricarci”, dice un parlamentare Iv a TPI. Dal Partito Democratico, o almeno da molte delle sue aree, il messaggio sembra però chiaro: “Noi siamo compatti su Conte” anche perché “è l’unico punto di tenuta della maggioranza in Parlamento”, dicono i dem interpellati dal nostro giornale, affermando che “il partito è coeso su questo punto”.

Il rischio vero è che, senza Conte, il Movimento 5 Stelle, già provato dal continuo scontro tra le due anime interne e dalle troppe fuoriuscite, imploderebbe. E così addio maggioranza, addio governo e addio al fronte “progressista” tanto agognato dal Pd.

Una chiusura di fatto a Renzi, ma alcuni parlamentari continuano a sperare: “Chi vuole rimanere nel governo dia la fiducia in Aula”, anche perché “se Conte non ha i numeri – avvertono senatori Pd a TPI – la via maestra è un esecutivo di scopo ed elezioni a giugno”.

Il voto anticipato, scenario improbabile ma “possibile”, sembra brandito dal Pd più come un’arma, per chiamare a sé i responsabili, che un’opzione concreta. In ogni caso, con questo dispiegamento di forze pro-Conte e anti-Renzi, la partita appare indirizzata a favore dell’attuale presidente del Consiglio.

Ma attenzione: i giochi si chiuderanno martedì, quando Conte andrà a chiedere la fiducia al Senato, e queste giornate rimangono cruciali per ribaltare la partita. Della serie: in politica tutto può accadere.

Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali
Ti potrebbe interessare
Politica / Elezioni, Letta: “Crisanti ha ragione. A destra cultura no vax. Con Salvini e Meloni più morti nel 2020”
Politica / Socialdemocratici ridimensionati a favore dei cattolici: nelle liste Pd gli ex Ds sono ormai in via di estinzione
Politica / Da Marta Fascina ad Annalisa Chirico, passando per Umberto Bossi: centrodestra al lavoro sulle liste elettorali
Politica / Cottarelli: “Il presidenzialismo non mi piace, accentuerebbe la personalizzazione della politica”
Politica / Berlusconi: “Le sentenze di primo e secondo grado non saranno appellabili. Basta processi all’infinito”
Politica / Crisanti: “Salvini? Se avessimo dato retta a lui i morti per Covid sarebbero stati 300mila”
Politica / Conte: "Letta, Di Maio e Draghi volevano farmi fuori, i veri progressisti siamo noi"
Politica / Giorgia Meloni contro il Reddito di cittadinanza: "È un fallimento totale"
Politica / La gag di Berlusconi: "Il 25 settembre vota il Partito Comunista"
Politica / Quando Meloni diceva: "Mussolini è stato un buon politico"