Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:23
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Retroscena TPI: è stato Draghi a chiedere a Di Maio di smentire Conte sui talebani

Immagine di copertina

Giuseppe Conte stavolta l’ha sparata proprio grossa: “Dialogo serrato coi talebani”. L’ex premier ha fatto sapere quello che pensava sull’Afghanistan, dopo giorni di silenzio, e ha fatto arrabbiare non poco Luigi Di Maio. Ma non soltanto lui.

Di Maio, che è anche ministro degli Esteri, aveva già il suo bel da fare per le foto in spiaggia mentre Kabul cadeva. Poi è arrivata l’uscita improvvida del suo nuovo capo partito, uscita che però non è piaciuta a nessuno nei Cinque Stelle, gruppi parlamentari compresi, che per tutta la giornata di ieri si sono chiusi in un “imbarazzatissimo silenzio” come spiegano fonti di primo piano M5S: “C’è stato molto disagio all’interno del Movimento per la presa di posizione di Conte”. E infatti nessuno l’ha rilanciata, nemmeno i fedelissimi dell’ex premier.

Fresco di nomina al vertice dei pentastellati, l’avvocato pugliese ha fatto il passo più lungo della gamba: “Necessità di un serrato dialogo con il nuovo regime talebano, che si è dimostrato abbastanza distensivo”. “Sarebbe come cercare di convincere Dracula a non bere più sangue”, chiosa un membro della maggioranza di governo.

Conte, però, sembra fidarsi dei fondamentalisti islamici, che hanno promesso amnistia per i nemici politici, diritti alle donne e nessuna caccia all’uomo, sebbene la rappresaglia sia già cominciata nel silenzio più assoluto. Ma, oltre a ai suoi gruppi parlamentari, il neo-presidente del M5S con la sua presa di posizione ha infastidito non poco anche il capo del governo Mario Draghi, che, tramite il solito giro di fedelissimi, ha fatto sapere a stretto giro di non aver apprezzato per niente l’uscita contiana, soprattutto nel momento in cui l’Italia sta facendo di tutto per cercare di riannodare i fili della questione afghana con una forte azione internazionale dopo una prima fase di stasi.

“Su questioni di questo tipo non sono ammesse distinzioni di sorta, la maggioranza deve essere unita”, è il refrain. Così, su sollecitazione di Palazzo Chigi ci ha pensato il grillino più ascoltato da super Mario, lo stesso Di Maio, a ribadire la posizione del premier: “È importante agire in maniera coordinata nei confronti dei talebani. Dobbiamo giudicarli dalle loro azioni, non dalle loro parole. Abbiamo a disposizione qualche leva, sia pur limitata, su di loro come l’isolamento dalla comunità internazionale e la prosecuzione dell’assistenza allo sviluppo fornita finora. Dobbiamo mantenere una posizione ferma sul rispetto dei diritti umani e delle libertà, e trasmettere messaggi chiari tutti insieme”. Insomma, con un colpo solo Giuseppe Conte è riuscito a “perdere” il partito e a far irritare Draghi.

Ti potrebbe interessare
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Ti potrebbe interessare
Politica / Si chiude il deposito dei simboli al Viminale. Ecco perché non finiranno tutti sulla scheda
Economia / Salario minimo, RdC, cashback, stop definitivo all’Irap: cosa prevede il programma del M5S
Politica / Marco Cappato annuncia: “Raccoglieremo le firme per la nostra lista solo in forma digitale”
Politica / Elezioni, la lista Italia Sovrana e Popolare a TPI: “Il nostro nemico è Draghi. Non ci sentiamo nani vicino a Biancaneve”
Politica / Giorgia Meloni non rinuncia alla fiamma tricolore: “Ne andiamo fieri, non ha a che fare con il fascismo”
Politica / Gina Lollobrigida candidata al Senato a 95 anni per la lista Italia Sovrana e Popolare
Politica / Matrimonio egualitario, ius scholae, fine vita: cosa prevede il programma del Pd
Opinioni / Letta ha chiuso ai 5S perché temeva la figura di Conte (di M. Tarantino)
Opinioni / Quel Movimento, per come lo abbiamo conosciuto, non esiste più (di M. Contigiani)
Economia / Al via i nuovi congedi parentali, da oggi le novità: dieci giorni obbligatori per i papà