Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 01:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Conte: “Non volevamo far cadere Draghi. Dalle sanzioni alla Russia mi aspettavo di più, ma non vanno tolte”

Immagine di copertina

Conte: “Dalle sanzioni alla Russia mi aspettavo di più, ma non vanno tolte”

“Le sanzioni alla Russia non vanno tolte, non volevamo la caduta del governo Draghi”: lo ha dichiarato il leader del M5S, Giuseppe Conte, nel corso della registrazione di Porta a Porta, in onda nella serata di lunedì 5 settembre su Rai 1, di cui sono state fornite delle anticipazioni.

Riguardo alla caduta del governo Draghi, Conte afferma che “non era nei nostri piani e obiettivi. Nei nostri piani era semplicemente avere un interlocuzione con Draghi su quei punti. Mancavano 7-8 mesi alla scadenza naturale, il Paese, lo dicevamo da mesi, si stava preparando a un autunno caldo. Non ha dato risposte, è venuto al Senato e anziché concordare un cronoprogramma non c’è stata la volontà”.

“Non abbiamo tolto la fiducia a Draghi – ha aggiunto – L’ho avvertito per tempo, quando ho portato il documento politico con quelle richieste, che non avremmo votato il dl con l’inceneritore. Non mi ha detto che ci sarebbe stata una crisi di governo. Dissi che avremmo ridotto al minimo il nostro dissenso, non ci saremmo astenuti ma ci sarebbe stata una mancata partecipazione al voto. Lui non mi disse che avrebbe rassegnato le dimissioni”.

“Quando Draghi è venuto in Senato siamo rimasti sorpresi dall’impostazione del suo discorso. Nelle repliche ha attaccato furiosamente il superbonus, non è stato tenero sul Reddito di cittadinanza. A quel punto non è stato possibile condividere una responsabilità di governo. Noi siamo coerenti e conseguenti” ha dichiarato Conte.

Sulle sanzioni alla Russia, invece, l’ex premier afferma: “Non vanno tolte, dobbiamo dare un segnale forte concordato e congiunto. Anche io pensavo che avessero un impatto sull’economia russa. Ma c’è da mantenere il punto”.

“Il problema è come si esce da questa guerra – ha aggiunto Conte – Ho avvertito che inseguire una vittoria militare sulla Russia è illusorio, condanniamo l’aggressione ma seguiamo la strada delle trattative per la pace. Ora, non credo che il problema in Ucraina sia la mancanza di armi anche molto sofisticate. Perché l’unica soluzione adesso è inseguire una vittoria militare sulla Russia che non sta avvenendo. Di negoziato di pace non si parla più, si parla solo di una guerra che durerà ancora tanti anni”.

Riguardo al rapporto con il Pd e alla possibilità di una nuova alleanza in futuro, il leader del M5S dichiara: “Io non mi permetto di influenzare le scelte del vertice di un’altra forza politica. Ma gli errori commessi impediscono nell’immediato di fare un progetto insieme al Pd. Sono rimasti folgorati dall’agenda Draghi, più timida sull’agenda sociale e sulla transizione ecologica”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Trionfa Giorgia Meloni, maggioranza al centrodestra. Fdi primo partito, Lega sotto il 10%. Il Pd non raggiunge il 20, M5S al 16,5
Politica / Elezioni regionali Sicilia 2022, i risultati: ecco il vincitore
Politica / Elezioni politiche 2022, chi ha vinto: il vincitore
Ti potrebbe interessare
Politica / Trionfa Giorgia Meloni, maggioranza al centrodestra. Fdi primo partito, Lega sotto il 10%. Il Pd non raggiunge il 20, M5S al 16,5
Politica / Elezioni regionali Sicilia 2022, i risultati: ecco il vincitore
Politica / Elezioni politiche 2022, chi ha vinto: il vincitore
Politica / Elezioni Politiche 2022, i risultati: chi ha vinto, i dati
Politica / Elezioni Politiche 2022, gli exit poll: le proiezioni dei risultati
Politica / Salvini vota e rompe il silenzio elettorale: “Più gente vota più il governo sarà forte sul caro bollette”
Politica / Cos’è il tagliando antifrode presente sulla scheda elettorale e cosa bisogna controllare
Politica / Elezioni | Come votare senza rischiare di annullare la propria scheda
Politica / Affluenza al 64%: è il dato più basso di sempre
Politica / Elezioni Politiche, prime proiezioni: Fdi primo partito, Pd sotto il 20% tallonato dal M5S. Lega all'8 per cento. In calo l'affluenza: alle 19 aveva votato il 51,1%