Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 13:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il premier Conte e le nomine Ue: “Poteva andare ben peggio”

Immagine di copertina

Conte nomine Ue, il premier commenta: “Poteva andare ben peggio”

PREMIER CONTE NOMINE UE – Dopo aver superato l’ostacolo della procedura d’infrazione e a conclusione della partita delle nomine Ue il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si dice soddisfatto, nonostante le forze che sostengono il suo governo abbiano un ruolo marginale nel nuovo Parlamento Ue e nonostante l’Italia esca ridimensionata, in negativo, dai nuovi equilibri. “Poteva andare ben peggio”, è il commento del professore, che sembra guardare più ai pericoli evitati che a quanto ottenuto.

Giuseppe Conte | Nomine Ue | Il premier soddisfatto

Il premier ha parlato in un intervista rilasciata al Corriere della Sera, spiegando che a suo giudizio il nostro Paese ha dato il massimo. Conte tiene in considerazione delle promesse.

“Siamo entrati nella trattativa – ha detto il capo del governo parlando del confronto con l’Ue sui conti pubblici – con una prospettiva di apertura della procedura che molti sembravano dare per scontata. Ma rispetto a dicembre del 2018, stavolta il negoziato è avvenuto su basi diverse”.

> Salvini, adesso la beffa è completa: in Ue trionfano Merkel, Macron e il Pd. Non poteva andarti peggio

“Non si trattava – ha spiegato Conte rispondendo alle domande di Massimo Franco – di convincere la Commissione sull’efficacia e sulla sostenibilità della nostra manovra. Bisognava far capire che maggiori entrate e risparmi di spesa prefiguravano dati contabili diversi da quelli da loro elaborati. E alla fine siamo riusciti a far prevalere i nostri dati. Sono soddisfatto del risultato, perché abbiamo tutelato l’interesse degli italiani. Numeri alla mano, non c’erano i presupposti per aprire la procedura. È vero, è stato difficile. Ma abbiamo certificato ottimi risultati su entrate fiscali, lotta all’evasione e risparmi di spesa”.

Sulle nomine Ue poi, il presidente del Consiglio sostene che l’Italia ha ottenuto “il massimo risultato”, nonostante i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini manifestino una certa delusione.

“Bisogna essere realisti. Non siamo partiti avvantaggiati, perché non avevamo la sponda delle tradizionali famiglie politiche…”, ha detto ancora Conte al Corriere. E poi: “Mi sento di dire che l’Italia ha giocato al meglio le carte a disposizione, ottenendo il massimo risultato, date le condizioni”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Anniversario strage di Brescia, Mattarella: “I terrorismi sono stati sconfitti, nostro impegno è testimoniare”
Politica / Salvini pronto ad andare a Mosca: “Non mi sostituisco a Draghi”. Ma il governo non ne sapeva niente
Politica / Esclusivo TPI: Verdi e Sinistra Italiana pronti a fondersi in un nuovo partito
Ti potrebbe interessare
Politica / Anniversario strage di Brescia, Mattarella: “I terrorismi sono stati sconfitti, nostro impegno è testimoniare”
Politica / Salvini pronto ad andare a Mosca: “Non mi sostituisco a Draghi”. Ma il governo non ne sapeva niente
Politica / Esclusivo TPI: Verdi e Sinistra Italiana pronti a fondersi in un nuovo partito
Politica / Sicilia, sempre più concreta l’ipotesi primarie Pd-M5S-Sinistra: sarebbe la prima volta
Politica / Stipendio raddoppiato all’amico di Brunetta
Politica / Draghi: “Oltre 1.200 le morti sul lavoro nel 2021, c’è ancora molto da fare”
Politica / Mattarella revoca “per indegnità” la nomina di Cavaliere al premier russo Mishustin
Politica / Processo Ruby Ter, Berlusconi: “Accanimento giudiziario e politico, vogliono fermarmi”
Politica / Ciriaco De Mita: le cause della morte dell’ex premier e segretario della Dc
Politica / È morto Ciriaco De Mita: l’ex premier e segretario della Dc aveva 94 anni