Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Conte: “M5S sconfitto in Senato, registriamo che c’è una nuova maggioranza da FdI a Iv”

Immagine di copertina

“Si è appena concluso un consiglio straordinario del M5s convocato d’urgenza: registriamo che di fatto si è formata una nuova maggioranza da FdI a Iv”. Lo ha dichiarato il leader del M5s Giuseppe Conte, al termine del consiglio nazionale straordinario del Movimento convocato dopo l’elezione di Stefania Craxi a presidente della commissione Esteri del Senato al posto del senatore Vito Petrocelli, che dopo il voto ha dato l’addio al M5S e annunciato l’addio al Cal. “Draghi era stato avvertito già ieri. Spetta a lui la responsabilità tenere in piedi questa maggioranza. Oggi M5s, Pd e Leu sono stati responsabili, altri no” ha aggiunto Conte.

L’elezione del sostituto di Petrocelli, fatto decadere tramite lo scioglimento dell’intera commissione a causa delle sue posizioni considerate filo-russe sulla guerra in Ucraina, era stata inizialmente considerata dal partito di Conte un semplice passaggio di consegne, che in nome della tenuta della maggioranza avrebbe portato alla nomina di un altro esponente pentastellato, l’ex capogruppo a Palazzo Madama Ettore Licheri. Ma quest’ultimo, a scrutinio segreto, ha ottenuto solo nove voti, presumibilmente di M5S e Pd, contro il 19 ottenuti da Craxi, arrivati dagli altri partiti, quelli che oggi l’ex premier definisce i protagonisti della “nuova maggioranza”. “È la quarta elezione importante persa da Giuseppe Conte, che ha già perso la sfida sui capigruppo Castellone e Crippa e quella sulla presidenza della Repubblica”, è il commento che circola tra i senatori che, secondo quanto riportato dall’Ansa, ironizzano così sulla perdita della presidenza in Commissione Esteri: “In pratica Conte vince solo se gareggia da solo”.

Ti potrebbe interessare
Politica / M5S pronto a sfilarsi dall’esecutivo? Al via l’incontro tra Conte e Draghi. Dal consiglio Nazionale prevale linea governista
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Ti potrebbe interessare
Politica / M5S pronto a sfilarsi dall’esecutivo? Al via l’incontro tra Conte e Draghi. Dal consiglio Nazionale prevale linea governista
Politica / Cannabis, parlamentari della Lega a Salvini: “Pronti a barricate in Aula”
Politica / La grande illusione delle privatizzazioni: un fallimento lungo 30 anni
Politica / Rimandato il faccia a faccia tra Conte e Draghi. Si vedranno il 6 luglio
Politica / Governo, Calenda: “Non sarà un altro Papeete. Conte fa solo sceneggiate”
Politica / Ius Scholae, Renata Polverini (FI) perentoria: “Voterò sì, è la mia battaglia. Da Meloni mi aspetto un colpo di scena”
Politica / Di Maio: “Qualcuno cerca il pretesto per far cadere il governo, ma se si va al voto il Paese va nel baratro”
Politica / Draghi-Conte, lunedì l’incontro. L’ex premier: “Valuteremo se restare”
Politica / Grillo pubblica un post contro i traditori: “Si sentono eroi ma non lo sono”. Di Maio: “Basta picconare il governo”
Ambiente / Papa Francesco: “La Natura ce la sta facendo pagare”