Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:54
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Draghi, Renzi, Di Maio: le tre spine per Conte nuovo leader M5S

Immagine di copertina

Tredici assenti ingiustificati su un totale di 20 renitenti al voto: si chiude così la fiducia alla Camera sulla vituperata riforma Cartabia per il M5S. Nei giorni scorsi le voci sui dissidenti grillini si erano assestate tra i 30 e i 40 malpancisti, poi la frenata di Conte – preoccupato più dal referendum sulla sua “incoronazione” che da Mario Draghi – ha rimesso le cose a posto, limitandosi a mantenere vivo un segnale preoccupante per il Governo.

Molti osservatori hanno peraltro notato la presenza prolungata del ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ieri sugli scranni del governo, come una sorta di vigilanza attiva sul “branco” in stato di confusione. D’altra parte non è un mistero per nessuno che i gruppi parlamentari (così come anche l’elevato Beppe Grillo che scruta da lontano, ma attentamente, la situazione) siano molto più vicini al capo della Farnesina che all’ex presidente del Consiglio.

Intanto, proprio oggi, è scattato il semestre bianco, che è un po’ il tana libera tutti per i partiti politici. Tanto più per il M5S, diviso tra le linee opposte di Di Maio e Conte e frastornato dall’esigenza di vendere cara la pelle al Governo Draghi.

Si è detto del segnale alla Camera per i 13 grillini assenti, mentre al Senato, grazie anche all’intercessione del Pd, si è detto no alla guardasigilli Cartabia, rimandando l’approvazione della sua riforma in autunno. Un tempo utile per Conte per prendere possesso del partito, dato che da oggi è sottoposto al gradimento dei militanti del M5S, che dovranno esprimersi sulla nuova piattaforma dapprima sul nuovo statuto da lui scritto e voluto e poi sulla presidenza. L’avvocato pugliese si aspetta un gradimento non inferiore al 70% e forte di quel risultato si appresta a fare “barba e capelli” al suo successore a Palazzo Chigi.

Nel mirino di Conte c’è, però, anche Matteo Renzi, soprattutto in vista dell’elezione del Capo dello Stato (l’ex premier è forte di un’alleanza a prova di bomba, almeno per il momento, con Enrico Letta). Ma c’è chi scommette che le grane per il leader del M5S non verranno solo dal Matteo di Rignano – pronto a lettere sotto assedio la sua leadership – ma anche e soprattutto dal continuo marasma dei suoi gruppi parlamentari.

Ti potrebbe interessare
Politica / Ferrara (M5S) a TPI: “Con Meloni è tornata l’austerity: un governo forte con i deboli e debolissimo con i poteri forti”
Politica / Elezioni Europee 2024, Isabella Parini (M5S): “Serve un’Europa che funzioni e che lavori per la pace. No al rigassificatore di Vado e Savona”
Politica / Troppe donne candidate: lista esclusa dalle elezioni comunali di Bari
Ti potrebbe interessare
Politica / Ferrara (M5S) a TPI: “Con Meloni è tornata l’austerity: un governo forte con i deboli e debolissimo con i poteri forti”
Politica / Elezioni Europee 2024, Isabella Parini (M5S): “Serve un’Europa che funzioni e che lavori per la pace. No al rigassificatore di Vado e Savona”
Politica / Troppe donne candidate: lista esclusa dalle elezioni comunali di Bari
Politica / FdI e Pd presentano insieme una proposta di legge per proteggere i minori dai social
Politica / Meloni alla convention di Vox: “Con noi l’Europa può cambiare identità”. Le Pen: “Con la premier ci sono punti in comune”
Politica / Tajani: “Non confondiamo la teoria gender con i diritti”
Politica / Salta il duello tv tra Meloni e Schlein, la Rai
Opinioni / “Vota Giorgia”, ovvero come i politici hanno perso il cognome
Politica / Vannacci contro il vincitore dell’Eurovision Nemo: “Il mondo al contrario è sempre più nauseante”
Politica / Toti, la politica e la giustizia in Italia: il re è di nuovo nudo