Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:31
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Il centrodestra punta a una vittoria netta alle elezioni per prendersi anche il Quirinale

Immagine di copertina

L’obiettivo del centrodestra sembra ormai chiaro. Ottenere una vittoria schiacciante alle elezioni del 25 settembre, in modo da avere i numeri per riformare la Costituzione. E attuare quel presidenzialismo che piace tanto a Berlusconi, già dall’epoca della sua prima discesa in campo. Magari coltivando anche l’ambizione e il sogno di essere eletto dagli italiani al Quirinale. Un piano sguaiatamente annunciato ieri dal Cavaliere, con quel riferimento alle dimissioni di Mattarella in caso di approvazione della riforma che ha scatenato il dibattito politico, e pare non sia stato gradito neppure da Giorgia Meloni.

I conservatori sentono di avere già la vittoria in tasca. E sono pronti a prendersi tutto, compreso il Colle più alto di Roma. Con una vittoria netta alle imminenti elezioni, infatti, il centrodestra avrebbe i numeri per eleggere il nuovo presidente della Repubblica. Dal Quirinale si preparano ad una convivenza non facile, se a Palazzo Chigi ci sarà un governo di centrodestra. “Se la riforma presidenziale entrasse in vigore sarebbero necessarie le dimissioni di Mattarella”, ha detto ieri il leader di Forza Italia a Radio Capital.

Un’uscita a dir poco improvvida, sulla quale poi Berlusconi ha fatto parzialmente retromarcia, che però mostra plasticamente quali sono gli obiettivi della coalizione conservatrice in caso di vittoria. Come l’inizio di una lenta campagna di delegittimazione del Colle. Dichiarazioni, quelle del Cav, che però rischiano di rivelarsi come un boomerang. Tutto il centrosinistra, da Calenda a Fratoianni, infatti, si è ricompattato attaccando l’ex premier e parlando di una minaccia per la democrazia.

Al momento dal Quirinale tutto tace. Anche perché Mattarella è in vacanza ad Alghero per qualche giorno di riposo assoluto. D’altronde per la riforma della Costituzione non basta avere solo i numeri, ci vogliono anni e un referendum. Per questo la sensazione è che si tratti soprattutto di una pressione della destra per eleggere alla fine un proprio Capo dello Stato. L’Italia dunque, dopo aver perso Draghi, rischia di dover rinunciare anche a Mattarella.

 

Ti potrebbe interessare
Politica / Di Battista: “C’è vita fuori dai Palazzi. Di Maio si prenda una laurea”
Politica / Riforme, Lollobrigida: "Costituzione bella ma ha anche 70 anni". "Non toccheremo la 194 e unioni civili"
Politica / Mollicone a Tpi: “Nessuna omofobia, Peppa Pig considerato contenuto sensibile dalla legge italiana, non da me”
Ti potrebbe interessare
Politica / Di Battista: “C’è vita fuori dai Palazzi. Di Maio si prenda una laurea”
Politica / Riforme, Lollobrigida: "Costituzione bella ma ha anche 70 anni". "Non toccheremo la 194 e unioni civili"
Politica / Mollicone a Tpi: “Nessuna omofobia, Peppa Pig considerato contenuto sensibile dalla legge italiana, non da me”
Politica / Calenda: “Governo dura poco, poco più di 6 mesi. Pd riaprirà a M5S”
Politica / Di Maio: “Non ci sono scuse, abbiamo perso. Faccio i miei complimenti a Giorgia Meloni e Giuseppe Conte”
Politica / Lettera di uno studente 16enne: “Non c’è un pericolo di ritorno del fascismo”
Politica / Letta: "Non mi ripresenterò al congresso Pd"
Politica / Chi è Andrea Giambruno, il compagno di Giorgia Meloni
Politica / Salvini: "Il dato della Lega non mi soddisfa, con Fdi lavoreremo bene"
Politica / “La prima ministra più di destra dai tempi di Mussolini”: la vittoria di Giorgia Meloni vista dall’estero