Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:10
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Calenda: “Per anni ho raccontato le cazz*** del liberismo”

Immagine di copertina
L'europarlamentare Carlo Calenda

Calenda e le cazzate del liberismo

Per anni ho raccontato le “cazzate” del liberismo: è il mea culpa dell’europarlamentare ed ex ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda, da poco uscito dal Pd e ora a capo di un nuovo progetto politico, Siamo Europei.

“Una delle più grandi cazzate che abbiamo raccontato è che non si salvano i posti di lavoro, ma si salva il lavoro”, ha affermato ieri, giovedì 3 ottobre, in una giornata in cui ha manifestato sotto al Mise con gli ex operai della ex Embraco.

Calenda con i lavoratori ha chiesto chiarezza sul piano industriale della nuova proprietà, gli italo-cino-israeliani della Ventures.

L’europarlamentare sotto al ministero è stato più volte interrotto e contestato da un lavoratore, che lo accusava di avere “409 lavoratori sulla coscienza”. Calenda lo ha invitato a tacere affermando: “Senza di me eravate tutti licenziati”.

Calenda dopo l’incontro con gli operai Embraco

Poi ha raccontato: “Oggi vengo da cinque ore al Ministero dello Sviluppo, per una volta non sopra ma sotto. La Embraco è un’azienda di straordinaria capacità. Gli operai sono i migliori. A un certo punto l’azienda gli dice di andare a fare training agli operai slovacchi. Loro ci vanno, ma intanto chiedono: ‘Mica chiuderete e vi trasferite?’. E quelli assicurano che no, non lo faranno. Ma poi gli chiudono la fabbrica”.

Il caso dello stabilimento di Riva di Chieri, in provincia di Torino, ha portato Calenda a fare una riflessione dura. “Una delle più grandi cazzate che abbiamo raccontato – ha affermato – è che non si salvano i posti di lavoro, ma si salva il lavoro. Per cui pensiamo che un operaio di cinquant’anni che ha passato la vita a fare impianti può andare a lavorare nell’economia delle app. Queste cazzate le abbiamo sostenute, io le ho sostenute, per 30 anni. E poi dice che vincono i sovranisti…”.

Per l’europarlamentare c’è bisogno di un “liberalismo di metodo”. “La democrazia liberale deve recuperare il pragmatismo. E se la società va meno veloce del progresso, la società salta per aria”.

Il paradigma di riferimento secondo Calenda deve essere il liberalismo sociale. “Io per 30 anni ho ripetuto tutte le banalità che si sono dette nel liberismo economico. Poi quando ho avuto davanti l’operaio dell’Embraco ho capito che erano una gran cacchiata”.

Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Ti potrebbe interessare
Politica / "Nelle carceri italiane ho visto l'inferno"
Politica / Attacco dell’Iran a Israele, colloquio tra Giorgia Meloni ed Elly Schlein: l’Italia si unisce nel condannare Teheran
Politica / La maggioranza cambia la par condicio, i giornalisti Rai: “Servizio pubblico megafono del governo”
Politica / Palamara a TPI: “Conosco il Sistema, mi candido alle europee per combatterlo”
Politica / La proposta di legge di Soumahoro sulla fine del Ramadan: "Sia giorno festivo"
Politica / Addio alla trasparenza: il regalo di Giorgia Meloni ai mercanti di armi
Politica / Mafia, massoneria e voto di scambio: arrestato a Palermo l’ex consigliere comunale Mimmo Russo (Fdi)
Politica / Il capitano Ultimo scopre il volto dopo 31 anni. Il video
Politica / Meloni: “L’Aquila un modello, risposta dello Stato da subito”
Politica / Stadio Roma, emessa la sentenza di primo grado: nove condanne e dieci assoluzioni