Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”

Immagine di copertina

L’accordo tra Carlo Calenda e il leader di Italia Viva Matteo Renzi non è scontato e si incontreranno per discuterne. “Con Renzi ci sono rapporti deteriorati nel tempo, ci unisce una consonanza programmatica e ci dividono alcune scelte”, ha detto in un’intervista a Repubblica il leader di Azione che ha specificato di non aver tradito il patto con Enrico Letta, ma di essersi sfilato da “una coalizione Frankenstein”.

Calenda ha anche detto: “Il problema del Partito Democratico è sempre lo stesso, siccome non si sente in grado di rappresentare tutta la sinistra, mette dentro chiunque”. Secondo il leader di Azione, il Pd aveva paura che Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli potessero andare con Conte “a fare Melénchon con la pochette”. Per il leader di Azione il patto sottoscritto tra Pd, Sinistra italiana e Verdi aveva dato vita a due ali della coalizione: “Una delle quali contraria a tutto quello che dice l’altra”. Inoltre, con un secondo accordato firmato “la gente non ci capisce più nulla”, ha detto. Ha poi aggiunto: “È finita a bordello e per la sinistra sarà una sconfitta clamorosa”.

Calenda, nell’intervista con Repubblica, ha però sottolineato che non è detto che Giorgia Meloni vinca: “Prenderò molti voti in uscita dal centrodestra, ci sarà una grande onda di consenso come è accaduto a Roma”. E, inoltre, ha ipotizzato di poter mandare Forza Italia sotto il 3%: “Se vado bene toglierò tantissimi consensi alla destra nel proporzionale e questo compenserà il risultato dei collegi, anzi il saldo per loro sarà negativo”.

Il leader di Azione a Repubblica ha poi ribadito di non aver rotto con il segretario dem in diretta tv: “Se qualcuno continua a ripetere questa storia dovrò chiedere a Letta il permesso di leggere i 30 messaggi”. Ha aggiunto, inoltre, che tre ore prima del programma di Lucia Annunziata ha chiamato Dario Franceschini confermandogli la decisione: “Questa coalizione non si tiene in piedi”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Ti potrebbe interessare
Politica / Rissa in diretta tv tra Donno e Iezzi: “Vergognati, fascista a squadrista!” | VIDEO
Politica / Al G7 si litiga sul diritto all’aborto: “L’Italia non lo vuole nel comunicato finale”
Opinioni / La lezione che possiamo trarre dal voto delle europee
Politica / Cosa sappiamo dell'aggressione alla Camera al deputato Donno (M5S)
Politica / Premierato, il Senato approva l’elezione diretta del presidente del Consiglio
Politica / Dal boom di Meloni e Decaro al flop 5 stelle: vincitori e vinti del voto di preferenza
Politica / Messaggi antisemiti, si dimette il portavoce del ministro Lollobrigida
Politica / Meloni vs Schlein: l’Italia è tornata nel bipolarismo?
Opinioni / Meloni vince in un’Italia pietrificata in sé stessa
Esteri / L’estrema destra avanza in Germania e Francia, ma la coalizione “Ursula” regge. Macron convoca nuove elezioni