Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 10:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Politica

Calenda: “Accordo con Renzi non è scontato. Sottrarrò voti a Meloni”

Immagine di copertina

L’accordo tra Carlo Calenda e il leader di Italia Viva Matteo Renzi non è scontato e si incontreranno per discuterne. “Con Renzi ci sono rapporti deteriorati nel tempo, ci unisce una consonanza programmatica e ci dividono alcune scelte”, ha detto in un’intervista a Repubblica il leader di Azione che ha specificato di non aver tradito il patto con Enrico Letta, ma di essersi sfilato da “una coalizione Frankenstein”.

Calenda ha anche detto: “Il problema del Partito Democratico è sempre lo stesso, siccome non si sente in grado di rappresentare tutta la sinistra, mette dentro chiunque”. Secondo il leader di Azione, il Pd aveva paura che Nicola Fratoianni e Angelo Bonelli potessero andare con Conte “a fare Melénchon con la pochette”. Per il leader di Azione il patto sottoscritto tra Pd, Sinistra italiana e Verdi aveva dato vita a due ali della coalizione: “Una delle quali contraria a tutto quello che dice l’altra”. Inoltre, con un secondo accordato firmato “la gente non ci capisce più nulla”, ha detto. Ha poi aggiunto: “È finita a bordello e per la sinistra sarà una sconfitta clamorosa”.

Calenda, nell’intervista con Repubblica, ha però sottolineato che non è detto che Giorgia Meloni vinca: “Prenderò molti voti in uscita dal centrodestra, ci sarà una grande onda di consenso come è accaduto a Roma”. E, inoltre, ha ipotizzato di poter mandare Forza Italia sotto il 3%: “Se vado bene toglierò tantissimi consensi alla destra nel proporzionale e questo compenserà il risultato dei collegi, anzi il saldo per loro sarà negativo”.

Il leader di Azione a Repubblica ha poi ribadito di non aver rotto con il segretario dem in diretta tv: “Se qualcuno continua a ripetere questa storia dovrò chiedere a Letta il permesso di leggere i 30 messaggi”. Ha aggiunto, inoltre, che tre ore prima del programma di Lucia Annunziata ha chiamato Dario Franceschini confermandogli la decisione: “Questa coalizione non si tiene in piedi”.

Ti potrebbe interessare
Politica / Il responsabile sanità di FdI: “Contrari al Green Pass, vaccino solo agli anziani. Stop all’obbligo per il personale sanitario”
Politica / Centrodestra, scontro per le regionali. La minaccia leghista: “Se salta la Lombardia, salta il governo”
Politica / “Oggi la sinistra dice cose di destra. E viceversa”: a TPI parla il politologo Luca Ricolfi
Ti potrebbe interessare
Politica / Il responsabile sanità di FdI: “Contrari al Green Pass, vaccino solo agli anziani. Stop all’obbligo per il personale sanitario”
Politica / Centrodestra, scontro per le regionali. La minaccia leghista: “Se salta la Lombardia, salta il governo”
Politica / “Oggi la sinistra dice cose di destra. E viceversa”: a TPI parla il politologo Luca Ricolfi
Politica / Fratelli d’Ungheria: cosa rischiamo se anche in Italia sbarca il modello Orbán
Politica / Follow the Money: ecco chi ha finanziato la campagna elettorale di Fratelli d’Italia
Politica / Dall’abolizione del Rdc alla rinegoziazione del Pnrr: ecco che cosa ha in mente Giorgia Meloni
Politica / Rosy Bindi: "Congresso è accanimento terapeutico, Pd va sciolto". Salvini: "Con Meloni clima ottimo"
Politica / Le ragazze di Non una di meno alla Boldrini: “Ma per quelle come noi di periferia che cosa avete fatto?! Niente!”
Politica / Il ritorno di Michetti: “Sono il Maradona dell’amministrazione ma i poteri forti non mi vogliono”
Politica / Liguria, la proposta di FdI: sportelli “pro vita” in tutti gli ospedali in cui si pratica l’aborto