Covid ultime 24h
casi +23.641
deceduti +307
tamponi +355.024
terapie intensive +46

Bernareggio, il gazebo della candidata sindaco sul parcheggio per disabili

Di Enrico Mingori
Pubblicato il 17 Mag. 2019 alle 19:46 Aggiornato il 12 Set. 2019 alle 02:03
5
Immagine di copertina

Bernareggio comunali | È diventata virale negli ultimi giorni la foto di un gazebo elettorale allestito su un parcheggio per diversamente abili. L’immagine è stata pubblicata su Facebook da Iacopo Melio, collaboratore di TPI.

Il gazebo in questione era in sostegno della candidatura di Emanuela Baio, ex senatrice del Partito democratico oggi candidata sindaco con il centrodestra alle elezioni comunali di Bernareggio, in provincia di Monza Brianza.

Nel suo post Melio ha ricordato una precedente dichiarazione della candidata, sostenuta da Lega, Popolo della famiglia, Forza Italia e Fratelli d’Italia: “Un punto molto importante del mio programma riguarda i problemi di tipo urbanistico che devono essere risolti”. “Anche su quelli di educazione civica e stradale del suo comitato, magari, un pensierino lo farei… Che dice?”, chiede Melio.

A stretto giro sono arrivate le scuse della ex senatrice: “Carissimo Iacopo mi spiace per questo episodio. Non ero a conoscenza del fatto che sia stato occupato il parcheggio per le persone diversamente abili”, scrive Baio in un commento al post.

“Chiedo scusa a tutti, in modo particolare a quelle persone disabili alle quali è stato impedito, anche solo per pochi minuti, di poter parcheggiare sabato pomeriggio. Mi hanno assicurato che è rimasto montato solo per pochi minuti, perché lo spazio laterale, concessoci era occupato da un’auto. La mia storia personale testimonia, impegno e attenzione al mondo del sociale e della disabilità. Scusate!”.

Il messaggio della candidata sindaco non è però piaciuto a Melio, che l’ha accusata di “fare scaricabarile”.

Messaggio politico elettorale. Committente: Tobia Zevi

“Emanuela ‘Erano solo cinque minuti’, manco originali con le scuse… Ha perso un’occasione per ammettere un errore, invece di fare scaricabarile. Che peccato”, conclude Melio.

Ecco come le pagine Facebook sfruttano disabili e malati per fare soldi (di I. Melio)

Viva i bagni pubblici “gender free”. E diciamo basta anche all’etichetta “disabili” (di I. Melio)

5
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.