Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 12:45
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Vogliono trasformare New York nella capitale delle armi da fuoco (di A. Stille)

Immagine di copertina

Immaginate quante persone avrebbe ammazzato il giovane membro di una gang criminale che a New York ha ucciso lo studente italiano Davide Giri, se avesse avuto un’arma semiautomatica invece di un coltello. Dopo aver tolto la vita a Giri, il ragazzo ha accoltellato una seconda persona, un turista italiano che fortunatamente è rimasto vivo. Immaginare la strage che ci sarebbe potuta essere diventa più facile se si considera che la Corte Suprema degli Stati Uniti si prepara ad affrontare un caso che sfida le leggi sulle armi – relativamente severe – dello Stato di New York, dove non è consentito portare con sé un’arma nascosta senza una licenza speciale. A causa della relativa scarsità di armi, le morti per arma da fuoco a New York sono piuttosto rare, nonostante la città abbia la reputazione di una capitale del crimine.

Le morti per arma da fuoco sono meno di 4 su 100mila, sei volte inferiori a Stati come il Mississippi dove le leggi sulle armi sono molto più permissive. I querelanti che oggi sfidano le restrizioni di New York insistono sul fatto che richiedere loro una licenza per portare un’arma nascosta viola il Secondo Emendamento. A parte la follia di provare a costringere uno Stato a cancellare una normativa che ha permesso di contenere le morti per arma da fuoco in una nazione violenta, ciò che mi spaventa e mi turba di più di questo caso è la sua logica morale. Secondo i querelanti, una maggioranza sostanziale della nostra società non ha il diritto di decidere di limitare il numero di armi che circolano in mezzo a noi, mentre dovrebbero avere la precedenza i diritti di una minoranza piuttosto piccola (solo il 20 per cento a livello nazionale e l’8 per cento degli elettori democratici) che crede che i proprietari di armi dovrebbero essere liberi di portare un’arma nascosta senza un permesso.

Questa minoranza, fra l’altro, è molto più esigua in uno Stato a stragrande maggioranza democratica come New York, e quindi la logica dell’argomento pro-armi è che il diritto (già molto discutibile per il Secondo Emendamento) di portare un’arma dovrebbe avere la meglio sulla stragrande maggioranza di coloro che preferirebbero non vivere in un luogo in cui una disputa su un parcheggio – molto comune in una città come New York City – potrebbe trasformarsi rapidamente in un incontro fatale. O in cui un adolescente turbato – come il ragazzo che ha ucciso Davide Giri – dovrebbe poter circolare con una pistola Glock in grado di uccidere una dozzina di persone in un minuto. In questa logica contorta e perversa, i diritti della stragrande maggioranza – persone che non vogliono vivere con il timore che la persona accanto a loro possa portare un’arma letale – non contano nulla.

La Corte Suprema non si è ancora pronunciata su questo caso, ma il fatto che abbia accettato di occuparsene anziché confermare direttamente una sentenza della corte inferiore che aveva respinto l’argomento è assai preoccupante. Se prevarrà il diritto di avere con sé un’arma nascosta senza bisogno di nessun permesso, le persone in Stati come New York e Massachusetts – dove la qualità della vita è relativamente alta e le morti per armi da fuoco relativamente basse – dovranno vivere secondo le regole stabilite in posti come Alabama e Mississippi, dove la qualità della vita è inferiore, le carceri sono piene e le morti per arma da fuoco sono molto più frequenti.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)