Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:24
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Opinioni

Negli Usa la minoranza conservatrice minaccia il diritto all’aborto (di A. Stille)

Immagine di copertina

La Corte Suprema degli Stati Uniti – o meglio la sua maggioranza conservatrice – sembra vicina a ribaltare il diritto all’aborto stabilito nel famoso caso giudiziario Roe v. Wade del 1973. Questa prospettiva apre alcuni elementi di riflessione inquietanti. Tanto per cominciare, l’effetto pratico sarebbe che le donne negli Stati repubblicani, circa 30 su 50, vedrebbero limitato o azzerato il loro accesso all’aborto, a meno che non abbiano i soldi per spostarsi in Stati dove l’interruzione di gravidanza continuerà a essere pienamente legale. Inoltre, bisogna considerare che il 74 per cento delle donne che ricorrono oggi all’aborto sono povere, e le persone che si oppongono all’aborto tendono anche a opporsi ai programmi contro la povertà (e alla legislazione sul congedo parentale). Amy Coney Barrett – l’ultima giudice nominata da Donald Trump alla corte, una fervente cattolica – insiste sul fatto che chiedere a una donna di portare a termine una gravidanza non è molto diverso dal chiedere a qualcuno di vaccinarsi: secondo Barrett, l’approvazione di leggi che consentano alle donne di lasciare i loro bambini in un “rifugio sicuro” presso la stazione di polizia locale permetterebbe comunque alle donne di sbarazzarsi dei figli indesiderati senza dover affrontare sanzioni penali. Sembra di tornare alle “case dei trovatelli” del Medioevo.

Una pronuncia contro l’aborto sarebbe un’ulteriore prova dell’estrema politicizzazione della Corte Suprema, che dovrebbe invece essere al di sopra della mischia politica. I giudici dovrebbero comunque ribaltare diverse precedenti sentenze che hanno affermato il principio secondo cui il governo non ha diritto di interferire nella sfera intima di una donna. Ma la Corte Suprema è diventata una delle principali armi del Partito repubblicano: le sue decisioni «puzzano» di faziosità politica, ha rimarcato recentemente la giudice Sonia Sotomayor. «Non siamo politicanti partigiani», ha dichiarato Amy Coney Barrett durante una raccolta fondi per il repubblicano Mitch McConnell, il leader del Senato  a cui la stessa Barrett deve il suo posto nella corte. Una pronuncia contro l’aborto, infine, sarebbe un altro esempio della tirannia della minoranza in atto negli Stati Uniti. La maggioranza degli americani è favorevole al diritto di aborto, ma – nonostante siano stati sconfitti nel voto popolare in 7 delle ultime 8 elezioni presidenziali – grazie al peculiare sistema elettorale americano i repubblicani conservatori godono di una maggioranza di 6 a 3 nella Corte Suprema, consentendo così a una minoranza di determinare la direzione del Paese.

Questa minoranza conservatrice ha una fede quasi teologica nel trovarsi dalla parte del giusto e non ha scrupoli nel costringere gli altri a vivere come lei vuole. In un mondo in cui l’aborto è legale chi è contrario all’interruzione di gravidanza non è obbligato ad abortire: è libero di vivere secondo le proprie convinzioni e di persuadere gli altri a seguire il suo esempio. A conti fatti, il tasso di aborti è diminuito costantemente da quando questa pratica è diventata legale: da un massimo di 29,3 ogni mille donne a metà degli anni Settanta si è scesi nel 2017 a 13,5. Come ripeteva spesso il presidente Bill Clinton, «l’aborto dovrebbe essere sicuro, legale e raro». Se vincerà quella minoranza, invece, tutti dovranno vivere secondo i suoi dettami.
Continua a leggere sul settimanale The Post Internazionale-TPI: clicca qui

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Quirinale 1971: la Renault rossa era a via Caetani. Ma era come se fosse stata piazzata davanti al Quirinale
Opinioni / Il Quirinale e Draghi: nonno al servizio delle istituzioni o “nonnismo istituzionale”? (di A. Di Battista)
Opinioni / Ecco perché non c’è nulla da esultare per l’elezione di Roberta Metsola come presidente del Parlamento Europeo
Opinioni / Renzi dice che Italia Viva ora “vale il 13%”. Ma in realtà ha preso 3mila voti a Roma1 con l’11% di affluenza
Opinioni / Quirinale, indiscreto: sempre più quotata l’ipotesi Gianni Letta presidente
Opinioni / Le ultime dalla Rai: mentre a viale Mazzini si tifa per Draghi al Colle, Monica Maggioni cambia “faccia” al Tg1
Opinioni / Il centrosinistra reagisca alla candidatura di Berlusconi al Quirinale prima che sia troppo tardi (di M. Tarantino)
Opinioni / Se Draghi va al Colle serve un governo politico (di G. Cuperlo)
Opinioni / Pd, a sostenere Draghi al Quirinale sono rimasti solo Letta, Zingaretti e Guerini
Opinioni / Il futuro degli imprenditori in Afghanistan non dipende dai talebani (di W. Samadi)