Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 21:15
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Opinioni

Secondo Trump la Corte suprema ha abolito l’aborto “in nome di Dio”: è nata la Repubblica teocratica degli Stati Uniti? (di R. Cristiano)

Immagine di copertina

È nata la Repubblica teocratica degli Stati Uniti? Non ancora, perché Trump non è più presidente, o almeno non in carica, ma la sua lettura della decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti che abroga quella che molti anni fa riconobbe il diritto di scelta della partoriente a non portare a termine la gravidanza è chiara: “Dio ha deciso”.

Dunque i giudici della Corte Suprema, da lui nominati, hanno a suo avviso emesso un verdetto religioso, una fatwa, che fa rispettare i diritti di Dio. Per Trump dunque, come per Khomeini, il potere esecutivo deve essere sottoposto al volere divino, farne rispettare leggi e disposizioni, in modo che l’umanità sia salva dal male. Infatti Trump parla di ripristino di diritti che dovevano essere rispettati già da tanti anni. E di quali diritti parla se non di quelli, presunti, di Dio?

Sulla banconota statunitense c’è scritto, come tutti sanno, “in God we trust”, crediamo in Dio. Dunque la nazione benedetta da Dio, secondo loro, che mai era andata oltre questa supposizione di benedizione, ora vuole attuarla, metterla in pratica. Siamo a Khomeini in chiave cristiano-nordamericana. Cosa farà infatti chi vuol far rispettare i diritti di Dio e la volontà di Dio? Combatte chi non li rispetta e non la attua. È infondo anche quello che invoca il patriarca russo Kirill quando definisce quella in corso in Ucraina una guerra metafisica. Cioè una guerra tra il bene e il male, una guerra metafisica nel senso che determina dove saremo nel giorno del giudizio finale: alla destra o alla sinistra del Padre? È esattamente quello che disse Kirill nella sua famosa omelia all’inizio della guerra.

Dunque possiamo vedere nell’Iran e la sua ideologia fondata sull’esportazione della rivoluzione islamica, nella Russia e la sua ideologia di imposizione del mondo russo su tutto quel mondo, inclusa l’Ucraina, contro la lascivia occidentale, e nel trumpismo, i tre volti della nuova visione teocratica che investe il mondo per dividerlo tra figli della Luce e figli delle Tenebre.

Questa nuova Santa Alleanza per dividere il mondo ci ricorda che convocando la prima crociata la frase prescelta fu “Dio lo vuole” (Deus vult). Dall’altra parte intorno a chi ci si può unire? Il mondo non teocratico, quello che crede nella democrazia e nei diritti dell’uomo, oggi ha pochi leader, papa Francesco in primis e lo considera un’autorità morale. Per due motivi: Francesco non crede nel proselitismo, ma nella testimonianza. Il secondo: Francesco non antepone la Verità alla Misericordia, mai.

Con lui quindi non ci viene proposta uniformità, ma incontro. Ovviamente non è e non potrebbe essere relativista, ma è pluralista. Riconosce le nostre diversità come ricchezza, parte del progetto di Dio. Difende la vita non come ideologia, nega che il problema sia religioso, lo definisce “umano”. Per tale lo pone. Nel comunicato della Pontificia Accademia per la Vita, si legge che difendere la vita parte dal garantire per chi genera un’adeguata educazione sessuale, la possibilità di curare il bambino anche in mancanza di mezzi economici, di garantirgli adeguate alimentazione e istruzione, o il diritto ad una certa adozione dignitosa in caso di tante altre difficoltà genitoriali.

Ma Francesco non ci salva solo da una difesa della vita trasformata in ideologia, ci salva soprattutto da visioni teocratiche, da un’apocalittica divisione in figli del Bene e figli del Male. Fratelli tutti, come insegna la sua enciclica. Altrimenti avremo davanti a noi solo la scelta di una guerra totale, nella quale definirci ogni volta figli di Dio o figli di Satana: tutti.

 

Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il nuovo fango elettorale è per le “mogli di”: se sei donna attenta a fare politica come tuo marito
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Ti potrebbe interessare
Opinioni / Il nuovo fango elettorale è per le “mogli di”: se sei donna attenta a fare politica come tuo marito
Opinioni / O Draghi o morte: il Pd ha deciso di suicidarsi in nome di una figura che non c’entra nulla con la sinistra (di G. Gambino)
Opinioni / Caro Letta, la sinistra non si fa con la destra (di R. Bertoni)
Opinioni / Ecco perché ai giovani lasceremo in eredità un mondo migliore (di D. De Masi)
Opinioni / Una nuova visione del mondo: per salvare il Pianeta dobbiamo cambiare il modello sociale ed economico (di G. Gambino)
Opinioni / Non le basta vincere: Meloni vuole pure i pieni poteri per cambiare la Costituzione (di M. Ainis)
Opinioni / L’abitudine al male e la feroce indifferenza di chi non ha fermato l’omicidio di Alika
Opinioni / Lavoro e Ambiente: ecco il nostro programma elettorale (di N. Fratoianni)
Opinioni / Al voto sarà o noi o Meloni. Ma il dialogo col M5S deve continuare (di F. Boccia)
Opinioni / Tutti pazzi per Mario Draghi: ma tutti chi? (di V. Petrini)